Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Continuando nell'utilizzo di questo sito acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Ci impegnamo nel fornirvi la migliore esperienza online durante la visita al nostro sito web. In tale processo utilizziamo cookie standard di terzi per ottenere i dati relativi al vostro comportamento online durante la visita ai nostri siti web e registriamo anche la frequenza delle vostre visite ai nostri siti web. Raccogliamo le informazioni in forma anonima ed esse non vi identificano come individui, salvo il caso in cui decidiate di iscrivervi esplicitamente al nostro sito inserendo i vostri dati.
Se non desiderate accettare la presente Policy siete pregati di non continuare con l’utilizzo del nostro sito web.

Cosa tracciamo
Non utilizziamo cookie intrusivi sui nostri siti web per raccogliere le vostre informazioni personali. Utilizziamo invece cookie standard di terzi, come Google Analytics, per tracciare il vostro comportamento online e ottenere le informazioni statistiche a livello aggregato nei modi che seguono:
• tracciamo il numero di visite ai nostri siti web, come il visitatore ha raggiunto il sito (vale a dire il sito web da voi visitato prima di accedere al nostro sito) e il sito di destinazione di ogni visitatore (vale a dire il sito web che visitate dopo aver lasciato il nostro);
• un cookie è memorizzato sul vostro dispositivo per non più di due (2) anni ed è collegato al vostro indirizzo IP. I cookie sono piccoli file di testo che il vostro browser salva sul vostro dispositivo. Ciò ci permette di rilevare se tornate a visitare i nostri siti web.

Come gestire i cookie
I nostri cookie non memorizzano informazioni finanziarie o che permettono di identificarvi direttamente (quale il vostro nome o indirizzo). I cookie permettono ai nostri siti di recuperare le informazioni relative alla vostra esperienza online. Se non desiderate che tracciamo tali informazioni, potete configurare il vostro browser in modo da rifiutare i cookie. Se desiderate agire in tal senso, potete fare riferimento alle istruzioni per l’utente del vostro browser di internet per scoprire come cancellare e rifiutare i cookie. Siete pregati di notare che la mancata accettazione dei cookie potrà influenzare la vostra esperienza di utenti nei nostri siti web e limitare il vostro utilizzo di alcune funzionalità e servizi del sito.

Cookie di terzi
Durante la visita al nostro Portale, potrete notare dei contenuti di terzi, quali ad esempio mappe ed altri contenuti. Vi offriamo anche l’opportunità di impegnarvi ulteriormente con noi e di condividere le informazioni con altri mediante social network quali Facebook ed altri. Con l’aggiunta dei contenuti vi teniamo aggiornati sulle informazioni selezionate con cura che potrete trovare rilevanti o di vostro interesse, ciò però potrà comportare che provider terzi memorizzino cookie aggiuntivi sul vostro dispositivo, cookie sui quali non abbiamo alcun tipo di controllo. Di conseguenza, vi consigliamo di verificare i siti web di tali terzi e le loro policy sulla privacy per avere maggiori informazioni circa i loro cookie e le modalità di gestione di questi ultimi.

Cookie utilizzati sul nostro Portale
Il nostro sito potrà, di volta in volta, contenere dei link a siti web di terzi. Se seguite un link a tali siti di terzi, siete pregati di notare che i siti hanno le loro policy sulla privacy e sui cookie e non accettiamo alcun tipo di responsabilità in relazione a tali policy. Siete pregati di verificare tali policy prima di fornire qualsiasi dato personale a tali siti web.
Seguono alcuni esempi dei cookie utilizzati su questo sito, comprese le informazioni sulla loro finalità e altre informazioni utili. Siete pregati di notare che se scegliete di accedere a siti di terzi mediante il nostro portale, l’elenco che segue potrebbe non essere completo.

Google-analytics.com
Tipo Parte terza di Google Inc.
Finalità Google analytics imposta i cookie per permetterci di tracciare l’utilizzo delle pagine e dei servizi sui nostri siti
Quali dati sono memorizzati? Durata della visita, pagine visionate, ubicazione, sistema operativo, browser, path d’ingresso, numero di visite
Link a dati personali? No
Tipo di cookie? Permanente
Permanente? 2 anni
Cookie di terzi? Sì, Google Inc.
Policy di terzi Visualizza

Modifiche alla presente Policy
Qualsiasi modifica futura alla nostra Policy sarà postata sulla pagina presente.

Contatti
Domande, commenti e richieste in merito alla presente Policy sono ben accette e dovranno essere indirizzate all'indirizzo email di questo sito presente nel piè di pagina

Santa Croce Camerina

Santa Croce Camerina è senza alcun dubbio l'emblema più noto del commissario Montalbano. Difatti è qui, esattamente in frazione Punta Secca, che sorge la casa sulla spiaggia del commissario, vista quasi regolarmente a ogni puntata sia de Il commissario Montalbano sia de Il giovane Montalbano. La casa, nei pressi di una torre medievale e ovviamente della spiaggia, originariamente era un magazzino per la dissalazione delle sarde, acquistato agli inizi del '900 e modificato in abitazione. Ora in parte è un B&B. Nonostante la fama derivante da Montalbano i prezzi sono del tutto accessibili, provare per credere. La tanto famosa terrazza di fronte al mare è a disposizione degli ospiti, così come il soggiorno del pianoterra che nella fiction diventa la camera da letto. Il mare, manco a dirlo, è splendido e il comune è molto attento all'ambiente e alla pulizia delle spiagge.

Cesare Bocci, Luca Zingaretti e Peppino Mazzotta nella casa di Punta Secca
in una scena de  Il commissario Montalbano (Ufficio stampa Kinoweb, foto di Fabrizio Di Giulio)


Punta Secca è una piccola frazione con spiagge libere e pochi residenti durante la maggior parte dell'anno, mentre in estate l'affluenza turistica è notevole, anche se permane la possibilità di vacanze serene e senza caos. Difatti l'economia di Santa Croce Camerina non si basa sul turismo ma sulla florida agricoltura, con prodotti di altissimo livello che rappresentano in pieno i colori, i sapori e i profumi della Sicilia. E' pure stato creato il marchio "Primizie di Montalbano", rilasciato dal comune e gestito da un organismo di gestione e controllo di cui fanno parte rappresentanti dell’Azienda sanitaria provinciale, della Camera di commercio di Ragusa, delle più importanti organizzazioni dei produttori e delle associazioni dei consumatori, e che ha come finalità la promozione e certificazione dell’elevato livello qualitativo dei prodotti agroalimentari del territorio di Santa Croce Camerina e delle zone ad esso limitrofe.
La spiaggia di Punta Secca la si vede – insieme al Lungomare Amerigo Vespucci e al faro, costruito nel 1853 e che in virtù dei 35 metri d'altezza è visibile da Gela a Cava d'Aliga – nel film del 1992 diretto da Gianni Amelio Il ladro di bambini, storia di un carabiniere che deve accompagnare su ordine delle autorità due bambini in un istituto di accoglienza. I protagonisti sono Enrico Lo Verso e nella parte dei bambini Valentina Scalici e Giuseppe Ieracitano, questi ultimi tanto bravi nelle interpretazioni da essere premiati con il David speciale nell'ambito del David di Donatello. Il film del resto ottenne diversi riconoscimenti, come altri cinque David di Donatello, tre Nastri d'argento, cinque Ciak d'oro, un European Film Awards e il Grand Prix Speciale al Festival di Cannes. Tuttavia la fama e il massiccio arrivo di turisti Punta Secca li deve al set della "casa di Montalbano", nella fiction facente parte della località di Marinella, in realtà inesistente. In verità a Santa Croce Camerina di "turisti" nei millenni non ne sono certo mancati: greci, fenici, romani, arabi, normanni e così via. Quello che in seguito divenne Santa Croce Camerina nell'antichità non era però considerato un luogo facile per abitarvi in quanto selvaggio e paludoso, basti pensare che la colonia siracusana di Kamarina, fondata nel 598 a.C., venne costruita sui vicini colli. Non per nulla Kamarina secondo il geografo greco Strabone significa "Abitata dopo molta fatica". La palude – soggetta secondo le antiche credenze alla dea Kamarina – fu poi drenata e la colonia, anche se distrutta più volte nelle secolari guerre, divenne importante e conosciuta. Certamente però – grazie alle tecnologie moderne e in particolare alla televisione – mai come dal 2000, data in cui andò in onda il primo episodio de Il commissario Montalbano creato da Andrea Camilleri (a cui come già scritto si aggiunse Il giovane Montalbano, dello stesso autore), seguito in Italia a ogni episodio da milioni di spettatori, venduto alle televisioni di decine di Paesi e che porta ogni anno in Sicilia circa 800.000 turisti. Dico, anche la Disney nel 2013 dedicò al famoso commissario siciliano un racconto a fumetti (supervisionato da Camilleri) ossia Topolino e la promessa del gatto, con Topolino che aiuta nelle indagini il commissario Salvo Topalbano. Da notare che Camilleri, all'inizio evidentemente non ritenuto un potenziale scrittore di livello, dovette pubblicare un libro avvalendosi di un editore a pagamento...
Il commissario Montalbano è un vero caso televisivo che segue, quasi in tempo reale, il fenomeno editoriale dalle vendite clamorose dei relativi libri (milioni di copie) e il cui successo si deve certamente alla regia di Alberto Sironi, prestato dal cinema al piccolo schermo, alla sceneggiatura di Francesco Bruni e dello stesso Camilleri, ma anche alla ormai storica interpretazione di Luca Zingaretti. L’attore romano che ha imparato a dire "Ma chi stai babbiannu?" e altre colorite espressioni in un italiano fortemente contaminato dal dialetto siciliano è, per tutti e a tutti gli effetti, Salvo Montalbano, tanto che dovette fare un passo indietro quando decise di lasciare la fiction: "Se sono tornato a interpretare il commissario Montalbano è perché avevo nostalgia del personaggio, che è diventato come un vecchio amico che si va a trovare una volta all'anno in un piccolo paese della Sicilia, e poi avevo nostalgia della mia seconda famiglia, la troupe, del capraio che ci porta il formaggio alle dieci del mattino, del ristorante che apre solo per noi nonostante la chiusura invernale. Per me Montalbano è un amico da andare a trovare quando posso. Sono talmente legato, ormai, a quella parte del Ragusano che con Luisa mi sono sposato nel castello di Donnafugata, usato a volte da noi per le riprese. Per mia fortuna non faccio solo Montalbano. Ci lavoro per tre, quattro mesi ogni due anni: pochissimo. Sono le continue repliche a dare l’impressione che io stia sempre in Sicilia a girare Montalbano. Il bello di Camilleri è che le trame contano poco: è l’ambiente, le psicologie, il dialetto siciliano, perfino gli arredi delle case ad affascinarci". Per esigenze scenografiche la fiction è stata girata principalmente nella provincia di Ragusa, una scelta che nonostante gli anni passati dalla prima messa in onda de Il commissario Montalbano suscita ancora polemiche e rivendicazioni in una parte degli abitanti dell’Agrigentino che hanno capito di aver perso l’occasione di fare della loro terra un'ancora più gettonata meta turistica.

made with love from Joomla.it

 

Santa croce

Buone & Cattive nuove

Il giornale Cinema & Turismo colma un vuoto nelle rassegne cinematografiche italiane creando la Mostra Nazionale del Cinema in Costume...
Da mercoledì 1 a mercoledì 8 ottobre la prima edizione della Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso a Salsomaggiore...
La  Sardegna Film Commission, diretta da Nevina Satta, si è attivata affinché la regista Lina Wertmuller abbia finalmente un riconoscimento...