Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Continuando nell'utilizzo di questo sito acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Ci impegnamo nel fornirvi la migliore esperienza online durante la visita al nostro sito web. In tale processo utilizziamo cookie standard di terzi per ottenere i dati relativi al vostro comportamento online durante la visita ai nostri siti web e registriamo anche la frequenza delle vostre visite ai nostri siti web. Raccogliamo le informazioni in forma anonima ed esse non vi identificano come individui, salvo il caso in cui decidiate di iscrivervi esplicitamente al nostro sito inserendo i vostri dati.
Se non desiderate accettare la presente Policy siete pregati di non continuare con l’utilizzo del nostro sito web.

Cosa tracciamo
Non utilizziamo cookie intrusivi sui nostri siti web per raccogliere le vostre informazioni personali. Utilizziamo invece cookie standard di terzi, come Google Analytics, per tracciare il vostro comportamento online e ottenere le informazioni statistiche a livello aggregato nei modi che seguono:
• tracciamo il numero di visite ai nostri siti web, come il visitatore ha raggiunto il sito (vale a dire il sito web da voi visitato prima di accedere al nostro sito) e il sito di destinazione di ogni visitatore (vale a dire il sito web che visitate dopo aver lasciato il nostro);
• un cookie è memorizzato sul vostro dispositivo per non più di due (2) anni ed è collegato al vostro indirizzo IP. I cookie sono piccoli file di testo che il vostro browser salva sul vostro dispositivo. Ciò ci permette di rilevare se tornate a visitare i nostri siti web.

Come gestire i cookie
I nostri cookie non memorizzano informazioni finanziarie o che permettono di identificarvi direttamente (quale il vostro nome o indirizzo). I cookie permettono ai nostri siti di recuperare le informazioni relative alla vostra esperienza online. Se non desiderate che tracciamo tali informazioni, potete configurare il vostro browser in modo da rifiutare i cookie. Se desiderate agire in tal senso, potete fare riferimento alle istruzioni per l’utente del vostro browser di internet per scoprire come cancellare e rifiutare i cookie. Siete pregati di notare che la mancata accettazione dei cookie potrà influenzare la vostra esperienza di utenti nei nostri siti web e limitare il vostro utilizzo di alcune funzionalità e servizi del sito.

Cookie di terzi
Durante la visita al nostro Portale, potrete notare dei contenuti di terzi, quali ad esempio mappe ed altri contenuti. Vi offriamo anche l’opportunità di impegnarvi ulteriormente con noi e di condividere le informazioni con altri mediante social network quali Facebook ed altri. Con l’aggiunta dei contenuti vi teniamo aggiornati sulle informazioni selezionate con cura che potrete trovare rilevanti o di vostro interesse, ciò però potrà comportare che provider terzi memorizzino cookie aggiuntivi sul vostro dispositivo, cookie sui quali non abbiamo alcun tipo di controllo. Di conseguenza, vi consigliamo di verificare i siti web di tali terzi e le loro policy sulla privacy per avere maggiori informazioni circa i loro cookie e le modalità di gestione di questi ultimi.

Cookie utilizzati sul nostro Portale
Il nostro sito potrà, di volta in volta, contenere dei link a siti web di terzi. Se seguite un link a tali siti di terzi, siete pregati di notare che i siti hanno le loro policy sulla privacy e sui cookie e non accettiamo alcun tipo di responsabilità in relazione a tali policy. Siete pregati di verificare tali policy prima di fornire qualsiasi dato personale a tali siti web.
Seguono alcuni esempi dei cookie utilizzati su questo sito, comprese le informazioni sulla loro finalità e altre informazioni utili. Siete pregati di notare che se scegliete di accedere a siti di terzi mediante il nostro portale, l’elenco che segue potrebbe non essere completo.

Google-analytics.com
Tipo Parte terza di Google Inc.
Finalità Google analytics imposta i cookie per permetterci di tracciare l’utilizzo delle pagine e dei servizi sui nostri siti
Quali dati sono memorizzati? Durata della visita, pagine visionate, ubicazione, sistema operativo, browser, path d’ingresso, numero di visite
Link a dati personali? No
Tipo di cookie? Permanente
Permanente? 2 anni
Cookie di terzi? Sì, Google Inc.
Policy di terzi Visualizza

Modifiche alla presente Policy
Qualsiasi modifica futura alla nostra Policy sarà postata sulla pagina presente.

Contatti
Domande, commenti e richieste in merito alla presente Policy sono ben accette e dovranno essere indirizzate all'indirizzo email di questo sito presente nel piè di pagina

Canazei

Canazei, la più importante località turistica della Val di Fassa, è vicino al confine con le province di Bolzano e Belluno ed è sovrastato dalle vette dolomitiche del Sassolungo, della Marmolada e del Gruppo del Sella. Canazei e la Val di Fassa furono location delle riprese esterne di Cuori nella tormenta (1941) di Carlo Campogalliani e interpretato da Silvia Manto, Camillo Pilotto, Giuseppe Rinaldi, Paola Dria,  Mino Doro, Lia Orlandini. C'era pure Alberto Sordi. Il film ha un'esile trama: una eccentrica ragazza precipita col suo aereo, si salva, si fa corteggiare da una guida alpina, però quando scopre che la fidanzata di lui soffre, se ne va. Del resto una trama frivola non dispiaceva, visto che c'era la guerra, cosa purtroppo serissima. Tanto seria che fior di attori già di fama mondiale si erano arruolati andando veramente a combattere: per esempio, Clark Gable, mitragliere di coda sui bombardieri, due volte decorato in battaglia; Tyrone Power, arruolatosi nei Marines e che combattè a Iwo Jima e Okinawa; James Stewart, già premio Oscar nel 1941, pluridecorato in battaglia e infine divenuto generale di brigata. Alberto Sordi invece, benché con solo qualche piccola parte in film ma forse ottime conoscenze, finì, e solo per un breve periodo, come suonatore di piatti nella banda musicale presidiaria dell'81º Reggimento fanteria "Torino", che alla stazione di Roma suonava marcette e inni quando i soldati, quelli meno fortunati, partivano per il fronte con la concreta possibilità di finire ammazzati. Una curiosità: Sordi, ottimo doppiatore (di Oliver Hardy, Anthony Quinn, Robert Mitchum, John Ireland, Pedro Armendariz e altri), stranamente in Cuori nella tormenta fu doppiato da Gualtiero De Angelis.
Sul Pordoi – passo di 2.239 metri d'altitudine che collega il territorio del trentino Canazei con quello del veneto Livinallongo del Col di Lana – furono fatte riprese di Der Klosterjäger (1953), diretto dall'austriaco Harald Reinl: qui il trailer:


 

Una scena di Der Klosterjäger
DerKlosterjger-Filmszene-226230


La storia, per la quale erano già stati realizzati due film, uno del 1920 e l'altro del 1935, ha come protagoniste soprattutto le montagne. Del resto Reinl era un appassionato nonché provetto sciatore, tanto che aveva iniziato come comparsa nei film diretti da Arnold Fanck, altro regista di film girati in montagna. Der Klosterjäger ebbe come location anche Merano, Hochkalter e Königssee nella Germania bavarese, Cortina d'Ampezzo e la Croazia. Narra di cacciatori, bracconieri, stambecchi e vita dura in montagna. Fra l'altro, nel film il bracconiere Wolfrat accoltella a tradimento il cacciatore Haymo. Ebbene, il regista Reinl mai avrebbe immaginato che anni dopo sarebbe stato ucciso proprio a pugnalate, ma per davvero, dalla moglie alcolizzata, l'ex attrice Daniela Maria Delis.
In frazione Penia di Canazei e al Lago di  Fedaia (sempre Canazei) e in altri punti della Val di Fassa e della Val di Fiemme, a Ortisei e al lago di Garda fu girato il drammatico Il prigioniero della montagna (1955, Flucht in die Dolomiten),  prodotto, diretto e interpretato da Luis Trenker. L'unica, fra gli interpreti quasi sconosciuti in Italia, a essere invece famosa era la giunonica attrice greca naturalizzata italiana Yvonne Sanson, qui nel film:

divenuta la "regina" dei film melodrammatici, in particolare quelli interpretati assieme ad Amedeo Nazzari e diretti da Raffaello Matarazzo, che ebbero grandissimi risultati al botteghino. Ma pure quelli diretti da altri, come appunto Il prigioniero della montagna, riscossero notevolissimo successo, forse con gran bile della critica che li denigrava  ferocemente ma senza risultato. Difatti al pubblico, notoriamente, il parere dei critici cinematografici e televisivi non interessa affatto e ognuno va per la sua strada.


Una scena di Der Klosterjäger

derkloste


In alcune scene di Cliffhanger - L'ultima sfida (1993), diretto da Renny Harlin e con protagonista Sylvester Stallone, si vedono scorci del territorio della Val di Fassa, che comprende Canazei, e in effetti si notano le montagne Sella del Ciampaz e la Roda di Vael, entrambe nel territorio di Vigo di Fassa. Pare che alcune riprese in interni siano state fatte anche a Canazei, tuttavia sarà bene dire che le location di questo film riguardarono soprattutto Cortina d'Ampezzo.  Cliffhanger - L'ultima sfida è decisamente un film d'azione, molto coinvolgente soprattutto per chi è terrorizzato dalle altezze a prescindere, come il sottoscritto, qui uno spezzone

Ogni volta che lo vedo ho difficoltà persino a stare seduto sulla sedia, che mi pare un nido d'aquila. Il film fu anche un grande successo, poiché a fronte dei 70 milioni di dollari spesi ne incassò oltre 255. Insomma, uno dei tanti film con Sylvester Stallone (inclusi quelli da lui anche diretti) magari snobbati dalla critica ma, al solito o quasi, graditissimi dal pubblico. Del resto in caso contrario non si capirebbe perché i film con Stallone in totale abbiano incassato oltre due miliardi di dollari! Stallone non si risparmiò neppure in questo film e in diverse scene pericolose quello che si vede è proprio lui, mentre per quelle proibitive intervennero temerarie controfigure esperte di montagna. In particolare, durante le scene di free climbing, chi vediamo è Wolfgang Güllich, uno dei più grandi arrampicatori di tutti i tempi. Molte delle cose incredibili che vediamo in Cliffhanger - L'ultima sfida in realtà le fece Güllich, nonostante l'handicap di avere dovuto appositamente mettere su massa muscolare aggiuntiva per somigliare maggiormente a Stallone. Il fatto è che per l'arrampicata la muscolatura non deve essere da culturista.


Sylvester Stallone in Cliffhanger - L'ultima sfida.
Cliffhanger  1993  032

Comunque  Güllich fece nella sua attività cose talmente pericolose da fare ritenere che senza dubbio sarebbe morto prima o poi precipitando da una montagna. Invece nell'agosto 1992, appena terminato il film e ancora in fase di post produzione, Güllich a 32 anni d'età morì come capita a molti di noi comuni mortali, ossia per un banale colpo di sonno mentre guidava la sua automobile. Da seduto. La morte a volte è beffarda, come nel caso del suo famoso collega di arrampicate mozzafiato, Patrick Edlinger, morto cadendo... dai gradini della scala di casa.
Prima si accennava al Lago di Fedaia come una delle location de Il prigioniero della montagna. Ebbene, il lago lo si vede anche in alcune sequenze del famoso The Italian Job (2003) diretto da F. Gary Gray e interpretato da Mark Wahlberg, Donald Sutherland, Charlize Theron, Seth Green, Edward Norton, Jason Statham e Mos Def. E' il remake di The Italian Job del 1969, di Peter Collinson e con Michael Caine, uscito in Italia con il titolo Un colpo all'italiana. La storia è quella di un gruppo di rapinatori molto abili che riescono a rubare a Venezia una grossa quantità di lingotti d'oro e vanno a spartirsi il bottino in un posto tranquillo ai piedi delle Alpi.

Le cose però non vanno come sperato... Fra le varie location, anche estere, si vede il Passo Sella (2.240 metri), che collega Canazei e quindi la Val di Fassa con Selva di Val Gardena e pertanto con la Val Gardena. Questa località, al confine fra le province autonome di Trento e Bolzano, è una frequentata meta turistica grazie agli impianti di risalita facenti parte del comprensorio sciistico Dolomiti Superski nonché alle possibilità escursionistiche. Viste le salite, le tante curve e il fantastico panorama ovviamente non mancano orde di ciclisti (qui protagonista è stato più volte il Giro d'Italia) ansanti e felici di faticare a più non posso, per motivi incomprensibili ai più pigri, ai quali mi onoro di appartenere. Ritornando al  lago di  Fedaia, la scena di  The Italian Job dell'assalto al furgone e dell'uccisione di John Bridger (Donald Sutherland) venne girata sulla diga del lago, ai piedi della Marmolada. Il lago – nel quale con apposito permesso si possono pescare splendide trote – è suddiviso in due bacini, uno naturale e piccolo formato da sedimenti morenici, e l'altro più grande sbarrato da una diga alta circa 60 metri. Fedaia deriva dal fatto che lassù, sull'omonimo pianoro, ci fosse uno stazzo o un pascolo per pecore, in ladino "féda", mentre in latino "fetaria" è il luogo ove nascevano gli agnelli. Oggi invece c'è il Museo della Grande Guerra, assolutamente da visitare anche perché qui purtroppo per ben 30 mesi ci si ammazzò a vicenda come bestie.


Il lago di Fedaia in The Italian Job



La Val di Fassa, e non solo questa, conobbe un numero ridotto di visitatori dall'800, grazie alla presenza di geologi, ai quali si aggiunsero alla fine di quel secolo anche gli alpinisti. Il vero boom turistico è invece recente, solo qualche decennio fa, e dobbiamo dire che è del tutto meritato grazie alle sue montagne, e in particolare alle Dolomiti dichiarate Patrimonio mondiale dell'Unesco, alle  piste da sci con centinaia di km di piste battute, alle possibilità di escursioni in una natura incontaminata e a tanto altro. Peculiarità tali da attirare persino troupe cinematografiche da migliaia di chilometri di distanza, come nel caso di Prema Kavali (2011), film indiano diretto da K. Vijaya Bhaskar e interpretato – si fa per dire, si tratta di un filmetto dalla trama scarsa, però visto da così tanti spettatori che da noi sono solo un sogno – da  Aadi e Isha Chawla, i quali per noi occidentali sono perfetti sconosciuti (film completo in lingua telugu qui:

Prema Kavali in una cosa è accostabile a Cliffhanger - L'ultima sfida e cioè nella stoica resistenza degli interpreti al freddo. Difatti credo che neppure il "sanguanèl" trentino, sorta di mitico uomo selvatico grande e peloso raffigurato qua e là sulle Alpi, potrebbe impunemente andarsene in giro fra le nevi di quelle cime in canottiera. Non lo farebbero neppure, se esistessero, i suoi cugini yeti e bigfoot. Ma lo fa Stallone, in alcune scene mitiche in cui si aggira appunto solo con una t-shirt fra i ghiacci a qualche chilometro d'altezza, arrivando persino a nuotare in quella tenuta nell'acqua gelida, sotto la superficie ghiacciata! Bene, gli indiani certo non sono Sylvester Stallone, però i due attori Aadi (all'anagrafe della città di Hyderabad conosciuto come Aditya Pudipeddi) e Isha Chawla di Prema Kavali, forse perché entrambi esordienti proprio in questo film e quindi presumibilmente disposti a tutto o quasi in nome della sperata carriera, ci si avvicinarono. Soprattutto Isha Chawla la si vede con un abito sbracciato sulla neve, roba da fare rabbrividire pure noi. Le location di Prema Kavali sono state Canazei, i Passi Fedaia e Sasso Pordoi, la Val San Nicolò e le valli di Gardeccia e di Fuciade.


Isha Chawla e Aadi in Prema Kavali



Chiudiamo la Val di Fassa con La sedia della felicità (2014), ultimo film di Carlo Mazzacurati. Varie le location in valle (in particolare la conca di Fuciade, comune di Soraga) a cui si aggiunge Trento per quanto riguarda questa regione. E' una commedia che racconta dell'estetista Bruna la quale per arrotondare i guadagni occasionalmente lavora in un carcere. Un'anziana detenuta la prende in simpatia e, prima di morire, le svela di un tesoro nascosto nell'imbottitura di una sedia. Bruna si fa aiutare da Dino, però scoprono che la sedia, insieme alle altre della casa, è stata pignorata. Andranno insieme a cercare la sedia per mezza Italia. La trama, insomma, ricorda non poco Il mistero delle dodici sedie (1970), scritto e diretto da Mel Brooks, cosa del resto dichiarata fin da subito da Mazzacurati, morto a 57 anni dopo lunga malattia, pochi mesi prima dell'uscita nei cinema del film. Gli interpreti di La sedia della felicità sono Isabella Ragonese, Valerio Mastandrea, Fabrizio Bentivoglio, Silvio Orlando, Antonio Albanese, Giuseppe Battiston e Katia Ricciarelli.

 

Locandine dei film girati in questa location

Clicca per ingrandire le locandine

canazeicanazeicanazeicanazeicanazeicanazeicanazei

made with love from Joomla.it

 

Location in Trentino

made with love from Joomla.it

Buone & Cattive nuove

Il giornale Cinema & Turismo colma un vuoto nelle rassegne cinematografiche italiane creando la Mostra Nazionale del Cinema in Costume...
Da mercoledì 1 a mercoledì 8 ottobre la prima edizione della Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso a Salsomaggiore...
La  Sardegna Film Commission, diretta da Nevina Satta, si è attivata affinché la regista Lina Wertmuller abbia finalmente un riconoscimento...