Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Continuando nell'utilizzo di questo sito acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Ci impegnamo nel fornirvi la migliore esperienza online durante la visita al nostro sito web. In tale processo utilizziamo cookie standard di terzi per ottenere i dati relativi al vostro comportamento online durante la visita ai nostri siti web e registriamo anche la frequenza delle vostre visite ai nostri siti web. Raccogliamo le informazioni in forma anonima ed esse non vi identificano come individui, salvo il caso in cui decidiate di iscrivervi esplicitamente al nostro sito inserendo i vostri dati.
Se non desiderate accettare la presente Policy siete pregati di non continuare con l’utilizzo del nostro sito web.

Cosa tracciamo
Non utilizziamo cookie intrusivi sui nostri siti web per raccogliere le vostre informazioni personali. Utilizziamo invece cookie standard di terzi, come Google Analytics, per tracciare il vostro comportamento online e ottenere le informazioni statistiche a livello aggregato nei modi che seguono:
• tracciamo il numero di visite ai nostri siti web, come il visitatore ha raggiunto il sito (vale a dire il sito web da voi visitato prima di accedere al nostro sito) e il sito di destinazione di ogni visitatore (vale a dire il sito web che visitate dopo aver lasciato il nostro);
• un cookie è memorizzato sul vostro dispositivo per non più di due (2) anni ed è collegato al vostro indirizzo IP. I cookie sono piccoli file di testo che il vostro browser salva sul vostro dispositivo. Ciò ci permette di rilevare se tornate a visitare i nostri siti web.

Come gestire i cookie
I nostri cookie non memorizzano informazioni finanziarie o che permettono di identificarvi direttamente (quale il vostro nome o indirizzo). I cookie permettono ai nostri siti di recuperare le informazioni relative alla vostra esperienza online. Se non desiderate che tracciamo tali informazioni, potete configurare il vostro browser in modo da rifiutare i cookie. Se desiderate agire in tal senso, potete fare riferimento alle istruzioni per l’utente del vostro browser di internet per scoprire come cancellare e rifiutare i cookie. Siete pregati di notare che la mancata accettazione dei cookie potrà influenzare la vostra esperienza di utenti nei nostri siti web e limitare il vostro utilizzo di alcune funzionalità e servizi del sito.

Cookie di terzi
Durante la visita al nostro Portale, potrete notare dei contenuti di terzi, quali ad esempio mappe ed altri contenuti. Vi offriamo anche l’opportunità di impegnarvi ulteriormente con noi e di condividere le informazioni con altri mediante social network quali Facebook ed altri. Con l’aggiunta dei contenuti vi teniamo aggiornati sulle informazioni selezionate con cura che potrete trovare rilevanti o di vostro interesse, ciò però potrà comportare che provider terzi memorizzino cookie aggiuntivi sul vostro dispositivo, cookie sui quali non abbiamo alcun tipo di controllo. Di conseguenza, vi consigliamo di verificare i siti web di tali terzi e le loro policy sulla privacy per avere maggiori informazioni circa i loro cookie e le modalità di gestione di questi ultimi.

Cookie utilizzati sul nostro Portale
Il nostro sito potrà, di volta in volta, contenere dei link a siti web di terzi. Se seguite un link a tali siti di terzi, siete pregati di notare che i siti hanno le loro policy sulla privacy e sui cookie e non accettiamo alcun tipo di responsabilità in relazione a tali policy. Siete pregati di verificare tali policy prima di fornire qualsiasi dato personale a tali siti web.
Seguono alcuni esempi dei cookie utilizzati su questo sito, comprese le informazioni sulla loro finalità e altre informazioni utili. Siete pregati di notare che se scegliete di accedere a siti di terzi mediante il nostro portale, l’elenco che segue potrebbe non essere completo.

Google-analytics.com
Tipo Parte terza di Google Inc.
Finalità Google analytics imposta i cookie per permetterci di tracciare l’utilizzo delle pagine e dei servizi sui nostri siti
Quali dati sono memorizzati? Durata della visita, pagine visionate, ubicazione, sistema operativo, browser, path d’ingresso, numero di visite
Link a dati personali? No
Tipo di cookie? Permanente
Permanente? 2 anni
Cookie di terzi? Sì, Google Inc.
Policy di terzi Visualizza

Modifiche alla presente Policy
Qualsiasi modifica futura alla nostra Policy sarà postata sulla pagina presente.

Contatti
Domande, commenti e richieste in merito alla presente Policy sono ben accette e dovranno essere indirizzate all'indirizzo email di questo sito presente nel piè di pagina

Capalbio




Capalbio, al confine con il Lazio, oggi è conosciuto per le belle spiagge (12 km di lunghezza) e mare, ma fu per secoli territorio duro, povero, con paludi malariche e briganti che fino al XIX secolo imperversavano in zona grazie al fatto che era al confine fra il Granducato di Toscana e lo Stato della Chiesa. Quand'erano braccati in uno di questi, passavano in un attimo all'altro, infrattati fra le selvagge lande maremmane. A Capalbio c'erano  gli edifici delle dogane pontificie, ossia il Palazzo del Chiarone, e ci sono ancora. Fanno parte del complesso di Palazzo Boncompagni, e non occupano certo poco spazio visto che si tratta di oltre un centinaio di saloni, sale, stalle, magazzini nonché prigioni in quanto di certo lo Stato della Chiesa non era né magnanimo né ben visto dai popolani. I suoi sgherri e soldati avevano pessima fama, così come gli esattori pontifici delle imposte. Ovviamente il tutto cessò con l'Unità d'Italia e oggi il complesso è in grave declino.
A Pescia Fiorentina, frazione di Capalbio, c'era un'altra dogana presso la Villa del Fontino, oggi ristrutturata e trasformata in residence agrituristico dove nel 2010 furono girate alcune scene della fiction televisiva Rai Il commissario Manara di Luca Ribuoli e con protagonista Guido Caprino. Lo sceneggiato, qui uno spezzone:

è ambientato in una località di finzione, tra Orbetello e il promontorio dell'Argentario, ma nella prima serie andata in onda nel 2009 le location furono anche quelle di Bracciano, Trevignano Romano e Anguillara. Nella seconda serie (andata in onda sempre su Rai1 nel 2011) invece furono tutte toscane, non solo Pescia Fiorentina e altre zone di Capalbio ma anche Orbetello, Magliano, Manciano, Ansedonia, Borgo Carige, Albinia, Talamone, Alberese, Porto Ercole, Porto Santo Stefano e Fonteblanda. Per capire com'era l'intero territorio di Capalbio basterà visitare la Riserva del Lago di Burano, la prima oasi (1980) gestita dal WWF. Occupa una superficie di 410 ettari, di cui 140 occupati dal lago salmastro costiero, separato dal mare da un doppio cordone di dune sabbiose. All'interno dell'area esiste ancora la seicentesca Torre di Buranaccio, oggi di proprietà privata ma occasionalmente visitabile durante le iniziative del WWF. In questa zona, nel bosco, vivono i tipici animali della Maremma come cinghiali, daini, istrici e quant'altro, incluse la testuggine e la tartaruga. Gli uccelli sono numerosissimi e ci sono anche quelli ormai molto rari come  il falco di palude e il falco pescatore. Insomma, un Eden e prima la Maremma, sia toscana sia laziale, era tutta così.

La Torre di Buranaccio, nella Riserva del Lago di Burano


Prima si accennava ai briganti. L'ultimo capobanda della Maremma fu Domenico Tiburzi detto "Domenichino", che per 24 anni estorse denaro e ammazzò ma con l'accortezza di donare parte del bottino alla povera popolazione locale, che così lo apprezzava e proteggeva a mo' di eroe popolare tipo Robin Hood.

Il cadavere di Domenico Tiburzi

Del resto il "brav'uomo" aveva istituito una sorta di tassa sul brigantaggio che però dovevano pagare solo i nobili e i ricchi. Un'ottima pensata che gli garantiva simpatie dal popolo. Certo, erano altri tempi e altre situazioni, visto che oggi di briganti non ce ne sono più, a parte purtroppo non pochi politici italiani persino più grami. Dopo una lunga caccia serrata l'ormai vecchio Tiburzi finì ammazzato nel 1896 proprio a Capalbio dai carabinieri in un conflitto a fuoco, e poi legato a un albero, in piedi e con gli occhi aperti grazie a stecchini, e posto come un trofeo apparentemente ancora vivo e con tanto di fucile in mano. Allora si faceva così. Il resto della banda in pochi anni cessò di esistere. Il bello è che quando il parroco negò la sepoltura del brigante in terra consacrata, la gente si sdegnò e protestò, finché le parti decisero ognuna di cedere qualcosa. Difatti Tiburzi fu seppellito sul confine del cimitero, dove c'era appunto il cancello. Metà era dentro (le gambe), metà era fuori (il torso e la testa, dove secondo il prete albergava l'anima del brigante). A Domenico Tiburzi fu dedicato il film Tiburzi (1996), qui uno spezzone:

diretto da Paolo Benvenuti e girato alla Porta di Capalbio – il cui borgo storico è accessibile solo a piedi – nonché alla Roccaccia di Montauto del comune di Manciano, al Castello Orsini di Montalto di Castro e nel Viterbese.
Alla  Torre di Buranaccio citata prima – nonché nei dintorni di Alberese, Parco naturale della Maremma, nelle Vie Cave (stretti passaggi scavati dagli etruschi tra altissime pareti rocciose di tufo) di Sovana, a Villa Torrigiani a Lucca e nella Rocca sforzesca di Dozza – fu girato l'appena  passabile Domani accadrà (1988), qui uno spezzone:

di Daniele Luchetti, che racconta le vicissitudini dei due butteri Lupo e Edo, rispettivamente interpretati da Paolo Hendel e Giovanni Guidelli. Il film dell'allora esordiente Luchetti tuttavia vinse quello stesso anno il David di Donatello per il Miglior film esordiente e ottenne una menzione Caméra d'or al Festival di Cannes. La "stoffa" del resto c'era: Luchetti poi diresse, fra gli altri,  Il portaborse (1991), Mio fratello è figlio unico (2007) e La nostra vita (2010).

Paolo Hendel e Giovanni Guidelli in Domani accadrà


A Capalbio furono girati anche il non eclatante Eros (2004) – la parte diretta da Michelangelo Antonioni, qui uno spezzone:

essendo un film collettivo diretto anche da Steven Soderbergh e Wong Kar-wai – citabile soprattutto perché fu l'ultimo suo film. Antonioni nel 1994 aveva inaugurato il Capalbio Cinema International Short Film Festival, che da allora promuove il cortometraggio d'autore italiano e internazionale. A Capalbio furono pure girati in parte l'ancora meno eclatante, molto meno, film di fantascienza Il seme dell'uomo (1969), qui uno spezzone:

di Marco Ferreri e il discreto C'era un castello con 40 cani (1990), qui il film completo:

di Duccio Tessari, storia di un manager milanese che eredita un castello in Toscana con due cani, in rapido aumento numerico, e che finirà per innamorarsi di quel luogo e di quella vita. Il film fece abbastanza rumore, non tanto quanto a successo di botteghino ma per via dei 62 cani utilizzati nel film e messi a disposizione dal bravo addestratore Massimo Perla. Difatti i cani erano 62 e non "solo" 40 perché gli animali, giustamente, sul set si stancano pure loro. Perla raccontò: "Per C’era un castello con 40 cani di Duccio Tessari sono arrivato sull’orlo dell’esaurimento nervoso. Un anno di riprese con 62 cani al seguito fra Carsoli, Arsoli, Capalbio e Roma. Erano 62 e non 40 perché ci vogliono sempre le riserve. Il pastore tedesco della serie Il commissario Rex non è uno, sono tre, ma non si deve dire. Il regista inizialmente s’era affidato all’animalaro che aveva fornito gli esemplari per ben 17 film della serie di Zanna Bianca. Non funzionò. Fui convocato in seconda battuta. Dopo qualche giorno la troupe era sbalordita, dicevano Nun se po’ lassà a casa li attori e far tutto co’ li cani?"

 

Locandine dei film girati in questa location

Clicca per ingrandire le locandine

capalbiocapalbiocapalbiocapalbio

made with love from Joomla.it

 

Location in Toscana

made with love from Joomla.it

Buone & Cattive nuove

Il giornale Cinema & Turismo colma un vuoto nelle rassegne cinematografiche italiane creando la Mostra Nazionale del Cinema in Costume...
Da mercoledì 1 a mercoledì 8 ottobre la prima edizione della Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso a Salsomaggiore...
La  Sardegna Film Commission, diretta da Nevina Satta, si è attivata affinché la regista Lina Wertmuller abbia finalmente un riconoscimento...