Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Continuando nell'utilizzo di questo sito acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Ci impegnamo nel fornirvi la migliore esperienza online durante la visita al nostro sito web. In tale processo utilizziamo cookie standard di terzi per ottenere i dati relativi al vostro comportamento online durante la visita ai nostri siti web e registriamo anche la frequenza delle vostre visite ai nostri siti web. Raccogliamo le informazioni in forma anonima ed esse non vi identificano come individui, salvo il caso in cui decidiate di iscrivervi esplicitamente al nostro sito inserendo i vostri dati.
Se non desiderate accettare la presente Policy siete pregati di non continuare con l’utilizzo del nostro sito web.

Cosa tracciamo
Non utilizziamo cookie intrusivi sui nostri siti web per raccogliere le vostre informazioni personali. Utilizziamo invece cookie standard di terzi, come Google Analytics, per tracciare il vostro comportamento online e ottenere le informazioni statistiche a livello aggregato nei modi che seguono:
• tracciamo il numero di visite ai nostri siti web, come il visitatore ha raggiunto il sito (vale a dire il sito web da voi visitato prima di accedere al nostro sito) e il sito di destinazione di ogni visitatore (vale a dire il sito web che visitate dopo aver lasciato il nostro);
• un cookie è memorizzato sul vostro dispositivo per non più di due (2) anni ed è collegato al vostro indirizzo IP. I cookie sono piccoli file di testo che il vostro browser salva sul vostro dispositivo. Ciò ci permette di rilevare se tornate a visitare i nostri siti web.

Come gestire i cookie
I nostri cookie non memorizzano informazioni finanziarie o che permettono di identificarvi direttamente (quale il vostro nome o indirizzo). I cookie permettono ai nostri siti di recuperare le informazioni relative alla vostra esperienza online. Se non desiderate che tracciamo tali informazioni, potete configurare il vostro browser in modo da rifiutare i cookie. Se desiderate agire in tal senso, potete fare riferimento alle istruzioni per l’utente del vostro browser di internet per scoprire come cancellare e rifiutare i cookie. Siete pregati di notare che la mancata accettazione dei cookie potrà influenzare la vostra esperienza di utenti nei nostri siti web e limitare il vostro utilizzo di alcune funzionalità e servizi del sito.

Cookie di terzi
Durante la visita al nostro Portale, potrete notare dei contenuti di terzi, quali ad esempio mappe ed altri contenuti. Vi offriamo anche l’opportunità di impegnarvi ulteriormente con noi e di condividere le informazioni con altri mediante social network quali Facebook ed altri. Con l’aggiunta dei contenuti vi teniamo aggiornati sulle informazioni selezionate con cura che potrete trovare rilevanti o di vostro interesse, ciò però potrà comportare che provider terzi memorizzino cookie aggiuntivi sul vostro dispositivo, cookie sui quali non abbiamo alcun tipo di controllo. Di conseguenza, vi consigliamo di verificare i siti web di tali terzi e le loro policy sulla privacy per avere maggiori informazioni circa i loro cookie e le modalità di gestione di questi ultimi.

Cookie utilizzati sul nostro Portale
Il nostro sito potrà, di volta in volta, contenere dei link a siti web di terzi. Se seguite un link a tali siti di terzi, siete pregati di notare che i siti hanno le loro policy sulla privacy e sui cookie e non accettiamo alcun tipo di responsabilità in relazione a tali policy. Siete pregati di verificare tali policy prima di fornire qualsiasi dato personale a tali siti web.
Seguono alcuni esempi dei cookie utilizzati su questo sito, comprese le informazioni sulla loro finalità e altre informazioni utili. Siete pregati di notare che se scegliete di accedere a siti di terzi mediante il nostro portale, l’elenco che segue potrebbe non essere completo.

Google-analytics.com
Tipo Parte terza di Google Inc.
Finalità Google analytics imposta i cookie per permetterci di tracciare l’utilizzo delle pagine e dei servizi sui nostri siti
Quali dati sono memorizzati? Durata della visita, pagine visionate, ubicazione, sistema operativo, browser, path d’ingresso, numero di visite
Link a dati personali? No
Tipo di cookie? Permanente
Permanente? 2 anni
Cookie di terzi? Sì, Google Inc.
Policy di terzi Visualizza

Modifiche alla presente Policy
Qualsiasi modifica futura alla nostra Policy sarà postata sulla pagina presente.

Contatti
Domande, commenti e richieste in merito alla presente Policy sono ben accette e dovranno essere indirizzate all'indirizzo email di questo sito presente nel piè di pagina

Montalcino

Montalcino. "Nascosto fra le fronde profumate incoronato dai castagni e dai vigneti Montalcino, "Bel Paese", regna certo per beltà sulla feconda terra del senese". Questi versi di Nando Ciacci sono l'incipit della canzone vincitrice di un concorso indetto per i festeggiamenti civili nel maggio 1950. Introducono al meglio uno dei comuni in provincia di Siena più caratteristici della Toscana. Noto ai devoti del dio Bacco per la produzione del Brunello, un vino rosso che va a braccetto con il Barolo per gusto e sopratutto per longevità.

La collina su cui si trova Montalcino fu abitata già millenni fa, come dimostrano i resti di una fortezza etrusca. Tuttavia la prima menzione del borgo risale all'814, quando il re dei Franchi e imperatore carolingio Ludovico il Pio concesse quel territorio all'abate della vicina Abbazia di Sant'Antimo. A dire il vero, da secoli lì c'era una chiesetta, ma furono i longobardi a fare costruire un monastero nell'VIII secolo affidandogli la gestione agricola e non solo di quella zona. Serviva, com'era normale all'epoca, a dare ricovero ai viandanti, salvandoli dagli attacchi dei briganti nonché dei lupi. Nel 781, tornando da Roma, passò da lì (sulla strada detta Francigena) Carlo Magno, si fermò all'Abbazia di Sant'Antimo e ne approvò il suo operato. Fra l'altro, ricordiamo che Carlo Magno fu il primo re e imperatore a organizzare attentamente annuali cacce ai lupi, che allora erano un fragello mangiandosi pure gli uomini. Il secolo dopo, esattamente nell'814, Ludovico il Pio, figlio e successore di Carlo, diede ancor più privilegi a quella che divenne a tutti gli effetti un'abbazia imperiale. Per coloro che credono che i monaci facessero vita stentata a base di preghiere, zuppe di cavoli e pane duro, sarà bene ricordare che i veri poveracci erano i popolani, il volgo, praticamente schiavi viventi peggio di bestie, sfruttati all'inverosimile e sempre a rischio di morte per fame, come si vede nel capolavoro Il nome della rosa, film del 1986 diretto da Jean-Jacques Annaud e tratto dall'omonimo romanzo di Umberto Eco.(vedi qui:

Per capire la ricchezza dell'Abbazia (ingrandita e terminata nel XII secolo) basti sapere che i suoi beni ammontavano a ben 181 tra monasteri, castelli, chiese, pievi, ospedali, terreni, poderi e mulini. L'abate aveva di diritto il titolo di conte e consigliere del Sacro Romano Impero. Che tutti i monaci non fossero santi è dimostrato dal fatto che nel 1439 persino l'abate, che si chiamava Paolo, fu fatto arrestare e incarcerare, tante scelleratezze aveva fatto. Addirittura nel 1462 papa Pio II soppressel'Abbazia, poi praticamente abbandonata per secoli finché non fu restaurata dallo stato. Dal 1992 ospita una piccola comunità di monaci molto attivi e stimati. Come evidenziano durante le liturgie, hanno pure una bella voce, tanto che hanno registrato vari cd di canto gregoriano, vedi qui:

A proposito dei monaci, nel 1988 fu girato il documentario Un petit monastère en Toscane (Un piccolo monastero in Toscana), diretto da Otar Iosseliani. L'autore è nato in Georgia, ma francese di adozione. Sarebbe forse meglio definire la sua opera un docu-film, visto che per lo stesso Iosseliani: "Nel cinema il documento non esiste, sullo schermo anche la fotografia della realtà diventa opera di fantasia". La storia narra di cinque monaci agostiniani che si ritirano in un monastero a Montalcino. Oltre alle scene di preghiera vediamo quelle in cui compiono altre incombenze, come lavare i piatti, fare l'autostop o andare a bere all'osteria con la gente comune. Si avverte che al regista piace sia la dimensione spirituale che quella rustica della provincia senese, dove si confondono sacro e profano. Ecco il documentario completo:

Certo l'opulenza che albergava all'Abbazia di Sant'Antimo, almeno da parte di alcuni monaci, avrebbe fatto rizzare i capelli sulla testa a Francesco d'Assisi, il quale aveva abbandonato una vita agiata preferendole un'esistenza di molta fede e pochi pani e caci, tanto da venire proclamato santo. Eppure proprio all'Abbazia di Sant'Antimo, splendida location oggi facente parte della frazione di Castelnuovo dell'Abate, furono girate alcune scene di Fratello Sole, Sorella Luna (1971), con Francesco e Chiara rispettivamente interpretati da Graham Faulkner e Judi Bowker. L'opera – diretta da Franco Zeffirelli, che ne fu anche soggettista e sceneggiatore insieme a Suso Cecchi D'Amico e Lina Wertmüller – è liberamente ispirata alla vita di San Francesco d'Assisi, dalla sua conversione alla creazione dell'ordine dei francescani. Ecco il video della scena più significativa del film, quando Francesco si denuda pubblicamente in piazza proprio a Montalcino:

Altre location – umbre, toscane e siciliane – furono Gubbio, le Cascate delle Marmore, Monreale, Pian Grande di Castelluccio di Norcia, Val d'Orcia, Parco Nazionale dei Monti Sibillini e San Gimignano. A proposito degli interpreti protagonisti, pare che Zeffirelli avesse sue proprie idee, cosa ovvia in un regista. Ma meno ovvia se si pensa che, come scrisse lui stesso nella sua autobiografia, volesse affidare la parte dei protagonisti (Chiara a parte, eh...) ai Beatles! Purtroppo il famosissimo gruppo musicale non poté accettare per altri impegni. E crediamo sia stata una fortuna.

Zeffirelli per il ruolo di Francesco aveva pensato anche al cantante brasiliano Caetano Veloso nonché ad Al Pacino, ma poi non ne fu convinto. Il film, che aspetti inconsueti in effetti ne ha, può piacere o no e anzi è curioso notare i diversi pareri degli appassionati dell'ottimo sito Il Davinotti, che così lo descrivono: si parte da capolavoro assoluto, grande esempio di cinema, un buon film, per passare a non male, mediocre e addirittura filmaccio e inaccettabile vaccata! La colonna sonora del film è di Riz Ortolani ma alcune canzoni sono di Claudio Baglioni, all'epoca appena ventenne. Una curiosità, San Francesco è noto per la storia del famoso lupo di Gubbio mangiatore di uomini, i cui attacchi le cronache datano nel periodo 1220-22. Francesco l'avrebbe ammansito e ci si può credere oppure no. Comunque sia, chi volesse vedere questi splendidi animali in zona (ci sono anche selvatici) potrà recarsi nei pressi, ossia al Parco faunistico del Monte Amiata, riserva naturale protetta di 200 ettari nel territorio del comune di Arcidosso in cui vivono specie della fauna selvatica autoctona come il daino, capriolo, cervo, muflone, camoscio e appunto lupo. Attenzione, i recinti sono vasti diversi ettari ognuno e boscosi, per cui vedere i lupi non è affatto scontato. Meglio tentare all'imbrunire e all'alba.

Montalcino fu protetta nel XIII secolo da alte mura e dal 1381 da una fortezza, più volte assediata ma mai conquistata. Il suo grande cortile, ossia l'antica piazza d'armi, oggi ospita eventi e manifestazioni. Da visitare è senz'altro il Museo Civico e Diocesano in cui c'è la maggior parte della produzione archeologica e artistica medievale e moderna della provincia di Siena. Nel 2007 Montalcino è stato premiato dal Touring Club Italiano per il miglior programma di accoglienza turistica. Infatti, pur essendo un comune di poco più di 5000 abitanti, si popola di una variegata moltitudine di turisti nel periodo estivo nonché a Natale, quando sembra un antico presepe con vigneti innevati. Una curiosità rilevante su Montalcino risale alla storia di un'antica famiglia del posto: i Padelletti, di cui si hanno notizie a partire dal 1676, quando erano proprietari di una conceria. Ma è con Carlo Padelletti nel 1902 che avvenne lo sviluppo storico e culturale della città: creò uno stabilimento a vapore all’interno delle mura cittadine, una famosa tipografia, portò il telefono pubblico, istituì le corse giornaliere degli autobus tra Siena e Montalcino, le colonie marine per i bambini e fu proprio questo discendente della famiglia Padelletti che il 10 ottobre 1907 realizzò la prima proiezione cinematografica d'Italia. I film che il pubblico poté gustare per la prima volta furono: Il varo della nave di Pisa, Un signore che segue le donne, Uova di Pasqua, Il ricatto e Le perizie di un maiale.

Locandine dei film girati in questa location

Clicca per ingrandire le locandine

montalcino

made with love from Joomla.it

 

Location in Toscana

made with love from Joomla.it

Buone & Cattive nuove

Il giornale Cinema & Turismo colma un vuoto nelle rassegne cinematografiche italiane creando la Mostra Nazionale del Cinema in Costume...
Da mercoledì 1 a mercoledì 8 ottobre la prima edizione della Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso a Salsomaggiore...
La  Sardegna Film Commission, diretta da Nevina Satta, si è attivata affinché la regista Lina Wertmuller abbia finalmente un riconoscimento...