Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Continuando nell'utilizzo di questo sito acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Ci impegnamo nel fornirvi la migliore esperienza online durante la visita al nostro sito web. In tale processo utilizziamo cookie standard di terzi per ottenere i dati relativi al vostro comportamento online durante la visita ai nostri siti web e registriamo anche la frequenza delle vostre visite ai nostri siti web. Raccogliamo le informazioni in forma anonima ed esse non vi identificano come individui, salvo il caso in cui decidiate di iscrivervi esplicitamente al nostro sito inserendo i vostri dati.
Se non desiderate accettare la presente Policy siete pregati di non continuare con l’utilizzo del nostro sito web.

Cosa tracciamo
Non utilizziamo cookie intrusivi sui nostri siti web per raccogliere le vostre informazioni personali. Utilizziamo invece cookie standard di terzi, come Google Analytics, per tracciare il vostro comportamento online e ottenere le informazioni statistiche a livello aggregato nei modi che seguono:
• tracciamo il numero di visite ai nostri siti web, come il visitatore ha raggiunto il sito (vale a dire il sito web da voi visitato prima di accedere al nostro sito) e il sito di destinazione di ogni visitatore (vale a dire il sito web che visitate dopo aver lasciato il nostro);
• un cookie è memorizzato sul vostro dispositivo per non più di due (2) anni ed è collegato al vostro indirizzo IP. I cookie sono piccoli file di testo che il vostro browser salva sul vostro dispositivo. Ciò ci permette di rilevare se tornate a visitare i nostri siti web.

Come gestire i cookie
I nostri cookie non memorizzano informazioni finanziarie o che permettono di identificarvi direttamente (quale il vostro nome o indirizzo). I cookie permettono ai nostri siti di recuperare le informazioni relative alla vostra esperienza online. Se non desiderate che tracciamo tali informazioni, potete configurare il vostro browser in modo da rifiutare i cookie. Se desiderate agire in tal senso, potete fare riferimento alle istruzioni per l’utente del vostro browser di internet per scoprire come cancellare e rifiutare i cookie. Siete pregati di notare che la mancata accettazione dei cookie potrà influenzare la vostra esperienza di utenti nei nostri siti web e limitare il vostro utilizzo di alcune funzionalità e servizi del sito.

Cookie di terzi
Durante la visita al nostro Portale, potrete notare dei contenuti di terzi, quali ad esempio mappe ed altri contenuti. Vi offriamo anche l’opportunità di impegnarvi ulteriormente con noi e di condividere le informazioni con altri mediante social network quali Facebook ed altri. Con l’aggiunta dei contenuti vi teniamo aggiornati sulle informazioni selezionate con cura che potrete trovare rilevanti o di vostro interesse, ciò però potrà comportare che provider terzi memorizzino cookie aggiuntivi sul vostro dispositivo, cookie sui quali non abbiamo alcun tipo di controllo. Di conseguenza, vi consigliamo di verificare i siti web di tali terzi e le loro policy sulla privacy per avere maggiori informazioni circa i loro cookie e le modalità di gestione di questi ultimi.

Cookie utilizzati sul nostro Portale
Il nostro sito potrà, di volta in volta, contenere dei link a siti web di terzi. Se seguite un link a tali siti di terzi, siete pregati di notare che i siti hanno le loro policy sulla privacy e sui cookie e non accettiamo alcun tipo di responsabilità in relazione a tali policy. Siete pregati di verificare tali policy prima di fornire qualsiasi dato personale a tali siti web.
Seguono alcuni esempi dei cookie utilizzati su questo sito, comprese le informazioni sulla loro finalità e altre informazioni utili. Siete pregati di notare che se scegliete di accedere a siti di terzi mediante il nostro portale, l’elenco che segue potrebbe non essere completo.

Google-analytics.com
Tipo Parte terza di Google Inc.
Finalità Google analytics imposta i cookie per permetterci di tracciare l’utilizzo delle pagine e dei servizi sui nostri siti
Quali dati sono memorizzati? Durata della visita, pagine visionate, ubicazione, sistema operativo, browser, path d’ingresso, numero di visite
Link a dati personali? No
Tipo di cookie? Permanente
Permanente? 2 anni
Cookie di terzi? Sì, Google Inc.
Policy di terzi Visualizza

Modifiche alla presente Policy
Qualsiasi modifica futura alla nostra Policy sarà postata sulla pagina presente.

Contatti
Domande, commenti e richieste in merito alla presente Policy sono ben accette e dovranno essere indirizzate all'indirizzo email di questo sito presente nel piè di pagina

Pisticci

Pisticci è il terzo comune della Basilicata per numero di abitanti dopo Potenza e Matera. Sorge su tre colline purtroppo più volte – nell'arco dei secoli – interessate da frane rovinose. Conseguenza, anche ma non solo, del disboscamento che creò i calanchi, ossia collinette e ripide pareti prive dello strato di terra a causa della mancanza di alberi e del conseguente dilavamento. E quando furono ripiantati a distruggere tutto ci pensò nel 2012 un terribile incendio molto probabilmente doloso, che di colpo ricancellò oltre 1000 ettari di boschi.


Pisticci e i calanchi



A Pisticci nel 1894 nacque, utilizzando erbe officinali, il famoso Amaro Lucano e tuttora l'azienda ha sede lì. Tuttavia la popolazione della zona, come accadde in buona parte della Basilicata, fu soggetta a povertà e anche al brigantaggio. Uno dei suoi rioni si chiama infatti Marco Scerra, da un brigante che viveva proprio lì taglieggiando la povera gente. Ora in quel punto sorge l'Agenzia delle Entrate... Durante il fascismo nel territorio di Pisticci fu realizzato un campo di confino per gli oppositori politici,  impiegati per disboscare e bonificare la pianura metapontina, paludosa e malarica. In onore di Guglielmo Marconi questo campo fu chiamato Villaggio Marconi e oggi è divenuta la frazione di Marconia, con circa la metà dell'intera popolazione comunale.
Bene, vita dura per la popolazione, arretratezza, confino per i dissidenti sono tutte cose che ci collegano a Cristo si è fermato a Eboli (1979), tratto dall'omonimo romanzo di Carlo Levi e diretto da Francesco Rosi. E' vero che questo film – premiato fra gli altri riconoscimenti con due David di Donatello – ebbe come location principali Aliano, Guardia Perticara, Matera e Craco, tuttavia alcune scene furono girate a Pisticci. Per esempio, la stazione ferroviaria che si vede in realtà è quella di Pisticci Scalo, così come la campagna è quella della circostante zona di contrada Pozzitello, vedi qui:

nella quale passa la strada per Aliano (località dove si svolge il romanzo originale, chiamato però Gagliano). La trama racconta di un medico torinese – anche se non ha mai esercitato e fa il pittore – il quale a metà degli anni '30 viene confinato in Lucania. Eboli però è in Campania, provincia di Salerno, e la vicenda non si svolge lì. Nel libro e nel relativo film lo si indica solo per sottolineare che Eboli è una sorta di ultimo avamposto del progresso, visto che ci arrivano i treni. Oltre no, quindi una sorta di hic sunt leones (in italiano, "qui ci sono i leoni"), locuzione latina che stava a indicare che non si sapeva cosa si trovasse in quelle lande sconosciute. Certo, in quella povera zona della Basilicata di leoni non ce n'erano, ma neppure il progresso e l'aspettativa di una vita migliore. Una zona dimenticata anche da Dio. Lì c'è solo una terribile realtà fatta di miserie, povertà e superstizione, una terra dimenticata dalle istituzioni prima, durante e dopo il fascismo. Eppure il protagonista, interpretato magistralmente da Gian Maria Volontè, gradualmente conoscerà e apprezzerà quella gente anche più dei suoi amici intellettuali, qui uno spezzone:

Le riprese del film per la troupe non furono facili a causa delle distanze nonché della condizione delle strade, problema esistente in certe zone, seppure in misura molto minore, anche oggi. Gian Maria Volontè a tal proposito raccontò: "La lavorazione del film è stata lunga e faticosa, ogni giorno per andare e tornare da Matera ai paesi dove giravamo che erano privi di alberghi facevamo duecentoquaranta chilometri. Un tragitto pesante, specie dopo nove-dieci ore di lavoro, e di un lavoro fatto con quell'accuratezza. Con la gente abbiamo avuto un rapporto bellissimo. Abbiamo trovato persone straordinarie, di grande comunicativa, e con un interesse vero per quello che facevamo". La distribuzione all'estero del film, dal ritmo abbastanza lento ma soprattutto attinente un tema tutto italiano, preoccupava il regista Rosi, che poi raccontò: "La prima volta che ho fatto vedere il film fuori dall'Italia è stato a Chicago, ad un festival dove c'erano tremila persone. E io avevo paura, dicevo fra me e me, cosa capiranno questi, in America, a Chicago? I calanchi, le terre arse, i contadini, cosa capiranno? Ebbene, alla fine della proiezione piangevano tutti".

Una scena di Cristo si è fermato a Eboli


A Pisticci fece dei sopralluoghi Luchino Visconti, intenzionato a girarvi delle scene di Rocco e i suoi fratelli (1960). La storia infatti parte dal trasferimento al nord di una famiglia lucana. Ma poi non se ne fece nulla e il film ebbe altre location. A Pisticci furono invece girate – oltre che a Matera, Craco e Roma – alcune interviste di The Big Question (2004), diretto da Francesco Cabras e  Alberto Molinari. Si tratta di  un documentario girato sui set di La passione di Cristo (2004) diretto da Mel Gibson, film che suscitò grandi polemiche, grandi incassi e pure grande disgusto per via di molte scene estremamente cruente, quasi da bassa macelleria.

In pratica The Big Question è una serie di interviste fatte a un numeroso ed eterogeneo campione di persone a proposito del proprio intimo rapporto con Dio e la fede. In pratica, chi è Dio per te? L'opera ha ricevuto consensi dalla critica ed è stato pure proiettato all'estero in alcuni cinema, ma in Italia non è mai uscito nel circuito nazionale in quanto i distributori ritenevano, e ritengono, che non interessi al vasto pubblico. In effetti anch'io la penso come loro, a prescindere dalla validità dell'opera. Impossibile che il pubblico generalista pagasse un biglietto arrivando a frotte per vederlo, difficilissimo che lo facesse anche se gratuito e persino improbabile che lo vedesse per intero anche se fosse stato, per assurdo, pagato.
La frazione di Marina di Pisticci ha circa otto chilometri di belle spiagge di sabbia finissima, poste fra un mare pulito e dai fondali poco profondi e il bosco di macchia mediterranea che la separa dalla strada e dalle strutture urbane. Le spiagge sono suddivise fra l'area di San Basilio e quella di San Teodoro. Grazie anche ai villaggi vacanze, agriturismi, alberghi e al Porto turistico degli Argonauti, Marina di Pisticci è divenuta una delle principali località (comunque poche) balneari della costa jonica lucana. Tutto un altro mondo, nel bene e nel male ma soprattutto nel bene per quanto riguarda la qualità della vita, rispetto a quanto mostrato in Cristo si è fermato a Eboli. Da non dimenticare affatto l'importante Lucania Film Festival, organizzato dall'Associazione Culturale Allelammie e che da anni, allestito in estate nei luoghi più suggestivi del centro storico medievale di Pisticci, rappresenta per quanto riguarda i cortometraggi un evento di richiamo anche internazionale, sia a livello cinematografico sia di divulgazione turistica di settore.

La spiaggia di Pisticci.

 

Locandine dei film girati in questa location

Clicca per ingrandire le locandine

pisticci

made with love from Joomla.it

 

Location in Basilicata

made with love from Joomla.it

Buone & Cattive nuove

Il giornale Cinema & Turismo colma un vuoto nelle rassegne cinematografiche italiane creando la Mostra Nazionale del Cinema in Costume...
Da mercoledì 1 a mercoledì 8 ottobre la prima edizione della Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso a Salsomaggiore...
La  Sardegna Film Commission, diretta da Nevina Satta, si è attivata affinché la regista Lina Wertmuller abbia finalmente un riconoscimento...