Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Continuando nell'utilizzo di questo sito acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Ci impegnamo nel fornirvi la migliore esperienza online durante la visita al nostro sito web. In tale processo utilizziamo cookie standard di terzi per ottenere i dati relativi al vostro comportamento online durante la visita ai nostri siti web e registriamo anche la frequenza delle vostre visite ai nostri siti web. Raccogliamo le informazioni in forma anonima ed esse non vi identificano come individui, salvo il caso in cui decidiate di iscrivervi esplicitamente al nostro sito inserendo i vostri dati.
Se non desiderate accettare la presente Policy siete pregati di non continuare con l’utilizzo del nostro sito web.

Cosa tracciamo
Non utilizziamo cookie intrusivi sui nostri siti web per raccogliere le vostre informazioni personali. Utilizziamo invece cookie standard di terzi, come Google Analytics, per tracciare il vostro comportamento online e ottenere le informazioni statistiche a livello aggregato nei modi che seguono:
• tracciamo il numero di visite ai nostri siti web, come il visitatore ha raggiunto il sito (vale a dire il sito web da voi visitato prima di accedere al nostro sito) e il sito di destinazione di ogni visitatore (vale a dire il sito web che visitate dopo aver lasciato il nostro);
• un cookie è memorizzato sul vostro dispositivo per non più di due (2) anni ed è collegato al vostro indirizzo IP. I cookie sono piccoli file di testo che il vostro browser salva sul vostro dispositivo. Ciò ci permette di rilevare se tornate a visitare i nostri siti web.

Come gestire i cookie
I nostri cookie non memorizzano informazioni finanziarie o che permettono di identificarvi direttamente (quale il vostro nome o indirizzo). I cookie permettono ai nostri siti di recuperare le informazioni relative alla vostra esperienza online. Se non desiderate che tracciamo tali informazioni, potete configurare il vostro browser in modo da rifiutare i cookie. Se desiderate agire in tal senso, potete fare riferimento alle istruzioni per l’utente del vostro browser di internet per scoprire come cancellare e rifiutare i cookie. Siete pregati di notare che la mancata accettazione dei cookie potrà influenzare la vostra esperienza di utenti nei nostri siti web e limitare il vostro utilizzo di alcune funzionalità e servizi del sito.

Cookie di terzi
Durante la visita al nostro Portale, potrete notare dei contenuti di terzi, quali ad esempio mappe ed altri contenuti. Vi offriamo anche l’opportunità di impegnarvi ulteriormente con noi e di condividere le informazioni con altri mediante social network quali Facebook ed altri. Con l’aggiunta dei contenuti vi teniamo aggiornati sulle informazioni selezionate con cura che potrete trovare rilevanti o di vostro interesse, ciò però potrà comportare che provider terzi memorizzino cookie aggiuntivi sul vostro dispositivo, cookie sui quali non abbiamo alcun tipo di controllo. Di conseguenza, vi consigliamo di verificare i siti web di tali terzi e le loro policy sulla privacy per avere maggiori informazioni circa i loro cookie e le modalità di gestione di questi ultimi.

Cookie utilizzati sul nostro Portale
Il nostro sito potrà, di volta in volta, contenere dei link a siti web di terzi. Se seguite un link a tali siti di terzi, siete pregati di notare che i siti hanno le loro policy sulla privacy e sui cookie e non accettiamo alcun tipo di responsabilità in relazione a tali policy. Siete pregati di verificare tali policy prima di fornire qualsiasi dato personale a tali siti web.
Seguono alcuni esempi dei cookie utilizzati su questo sito, comprese le informazioni sulla loro finalità e altre informazioni utili. Siete pregati di notare che se scegliete di accedere a siti di terzi mediante il nostro portale, l’elenco che segue potrebbe non essere completo.

Google-analytics.com
Tipo Parte terza di Google Inc.
Finalità Google analytics imposta i cookie per permetterci di tracciare l’utilizzo delle pagine e dei servizi sui nostri siti
Quali dati sono memorizzati? Durata della visita, pagine visionate, ubicazione, sistema operativo, browser, path d’ingresso, numero di visite
Link a dati personali? No
Tipo di cookie? Permanente
Permanente? 2 anni
Cookie di terzi? Sì, Google Inc.
Policy di terzi Visualizza

Modifiche alla presente Policy
Qualsiasi modifica futura alla nostra Policy sarà postata sulla pagina presente.

Contatti
Domande, commenti e richieste in merito alla presente Policy sono ben accette e dovranno essere indirizzate all'indirizzo email di questo sito presente nel piè di pagina

Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider
Ulisse
Forse parrà strano che in apertura di questo sito ci sia proprio un'immagine di Ulisse, film del 1954 diretto da Mario Camerini e con protagonista Kirk Douglas. In effetti, che c'entra un eroe mitologico greco con un sito sul cineturismo italiano? Il fatto è che quella scena fu girata in Italia. Non solo, Ulisse è il nome latino dell'eroe Odisseo. Insomma, furono gli antichi romani a chiamarlo così, e noi discendiamo dalla loro civiltà. Inoltre, nessuno meglio di Ulisse può rappresentare la curiosità, la voglia di viaggiare, vedere, scoprire, sapere. Lo stesso fa questo sito cercando, scoprendo e illustrando i tantissimi luoghi della nostra bella Italia in cui sono stati girati film e programmi televisivi, affinché viaggiando possiate visitarli anche voi. Come fece Ulisse.
Il Sorpasso
Il sorpasso (1962), uno dei film più rappresentativi dell'Italia del benessere e del miracolo economico di quegli anni, è considerato il capolavoro del regista Dino Risi, e non solo in Italia: lo stesso Dennis Hopper si ispirò a questo film quando diresse il cult movie Easy Rider. Eppure ne Il sorpasso non sono poche le casualità, nella finzione e nella realtà: il pimpante Bruno, interpretato da Vittorio Gassman, incontra il timido Roberto (Jean-Louis Trintignant) per caso; lo stesso Trintignant fu scelto per la parte per caso, solo perché somigliava alla controfigura già ripresa nelle scene iniziali; i due protagonisti si muovono a caso per una parte d'Italia, viaggiando sulla potente Lancia Aurelia B24 guidata spericolatamente da Bruno fino al tragico epilogo; il film, pur perfettamente diretto da Risi e interpretato alla grande, ottenne il successo per caso. Difatti la critica, che oggi osanna Il sorpasso, alla sua uscita in buona parte lo ignorò, e fu invece il pubblico con un inizialmente lento passaparola a decretarne il successo
Montalbano
Il commissario Montalbano nasce dai romanzi di Andrea Camilleri, dal grandissimo successo, seguito da quello analogo delle serie televisive trasmesse dalla Rai. Il personaggio di Salvo Montalbano, grazie anche alle trame perfette, ai luoghi, alle atmosfere e agli altri ottimi attori, segue una comprovata capacità italiana nel dare vita televisivamente a serie di livello internazionale, con interpreti protagonisti talmente calati nella parte da venire totalmente identificati in loro dal pubblico. Se Zingaretti è in assoluto Montalbano, Ubaldo Lay fu l'indiscusso e riconosciuto ufficiale nel Tenente Sheridan, Gino Cervi il coriaceo poliziotto de Le inchieste del commissario Maigret e Tino Buazzelli il pacioso ma abile investigatore in Nero Wolfe. Tuttavia fra questi Montalbano è l'unico personaggio italiano e le vicende si svolgono in Italia e precisamente in Sicilia
La pantera rosa
La Pantera Rosa uscì nei cinema nel 1963 e da subito fu un grande successo, grazie alla regia di Blake Edwards, alle musiche di Henry Mancini e soprattutto dalla straordinaria caratterizzazione data all'imbranato ispettore Clouseau da Peter Sellers. L'attore – senza dubbio bravo ma caratterialmente instabile e umanamente poco o nulla apprezzato da chi lo frequentò professionalmente e nel privato – incarnò talmente bene il personaggio che da allora nessun altro potrà sostituirlo con lo stesso successo. Ci provarono con buona volontà Roberto Benigni e Steve Martin, ma i risultati furono meno che mediocri. La Pantera Rosa diede vita a una fortunata serie, che perse vigore alla morte di Peter Sellers per infarto, nel 1980. Buona parte di La Pantera Rosa fu girato a Cortina d'Ampezzo, in Veneto

Civitavecchia

Civitavecchiaha una storia antica, anzi antichissima come testimoniano i numerosi resti di epoca neolitica e poi etrusca. A sud di Civitavecchia, vicino al torrente Marangone, c'era l'abitato, posto sul colle Castellina. Fu però in epoca romana e precisamente intorno al 107 che la città raggiunse il suo massimo sviluppo, con la costruzione del porto. Civitavecchia si chiamava allora Centumcellae e ben presto sarebbe stata identificata come il Porto di Roma. Furono proprio i romani a perfezionare e rendere efficienti le splendide Terme Taurine, scoperte già in età preistorica e valorizzate dagli etruschi. Queste spesso vengono erroneamente confuse con il vicino sito di Aquae Tauri, in località La Ficoncella. Qui esiste tutt'oggi un frequentatissimo impianto termale, gestito dal comune di Civitavecchia, ossia le Terme (o Bagni) della Ficoncellache conservano l'antica struttura di vasche di pietra all'aperto. Oltre all'effetto curativo che queste acque hanno, al  visitatore delle terme è offerto anche il beneficio di poter godere di una vista meravigliosa che si apre sulla vallata sottostante e giunge fino al mare. E sono proprio questo mare e queste coste a essere stati protagonisti di tanti film del cinema italiano. E' qui che arriva il picciotto Carmeliddu, dopo un lungo e travagliato viaggio, nel film epocale di Alessandro Blasetti 1860 del 1934. La colossale opera, costata ben 1.180.000 lire (una cifra enorme per quegli anni), oltre a far parte del nostro patrimonio culturale, viene anche citata nel documentario di Martin Scorsese Il mio viaggio in Italia, nel quale il regista rievoca l'emozione provata da bambino di fronte alla visione di alcuni film italiani.

Interamente ambientato a Civitavecchia è Noi cannibali (1953), un film di Antonio Leonviola con Folco Lulli e Silvana Pampanini. L'opera, a colori, fu girata in una città distrutta dai bombardamenti durante la Seconda guerra mondiale. Fra le strutture più mirabili rimaste integre o quasi, sono da menzionare la Cattedrale di San Francesco, il possente Forte Michelangelo (così chiamato per la collaborazione progettuale prestata dal grande scultore omonimo), Fontana Vanvitelli e la Rocca. Per avere un'idea della trasformazione subita dalla città in quest'ultimo periodo basta confrontare l'immagine attuale con quella che emerge da una celebre commedia del 1957, Marisa la civetta, diretta da Mauro Bolognini e con i due divi dell'epoca, Marisa Allasio e Renato Salvatori. Il film, tutto ambientato a Civitavecchia, racconta la storia di una gelataia formosetta e maliziosetta che ai giovanotti del posto preferisce un marinaio forestiero. Nonostante la lievità dell’argomento, l'opera venne ben accolta dalla critica, che ne apprezzò la buona qualità e la capacità di analizzare alcuni aspetti tipici dell'Italia del Dopoguerra. Non poco peso devono aver avuto la partecipazione di Pier Paolo Pasolini e Carlo Rustichelli alla realizzazione dell'opera, rispettivamente nelle vesti di autore della sceneggiatura (scritta insieme al regista e a Tatiana Demby) e di autore delle musiche.

Se per Pasolini non sono necessari ulteriori crediti, Rustichelli va ricordato per aver composto alcune delle più belle colonne sonore del nostro cinema, ottenendo due volte il Nastro d’argento: nel 1959 per L'uomo di Paglia di Pietro Germi e nel 1967 per avere composto la famosissima musica di L'armata Brancaleone di Mario Monicelli.

Civitavecchia, con i suoi dintorni, è stata location di decine di film. Il secondo tragico Fantozzi, diretto da Luciano Salce nel 1976, è sicuramente uno dei più divertenti della saga dedicata al ragionier Ugo. Qui vediamo Fantozzi, il cui personaggio è un tutt'uno con il suo interprete (e ideatore) Paolo Villaggio, alle prese con battute di caccia, cene di gala e trasferte "lavorative" al Casinò di Montecarlo. Come da copione, si tratta di esperienze che si concludono in maniera fallimentare, costringendo il povero Fantozzi a continue  umiliazioni da parte di colleghi e superiori. Anche se a parole sembrerebbe esserci ben poco da ridere, sullo schermo le gag di questo impiegato sfortunato possiedono una "fascinazione" tutta particolare, capaci come sono di coniugare senso del comico e del tragico e di riflettere, seppur in maniera molto paradossale, la condizione di tanti lavoratori di quegli anni. Il ragionier Ugo Fantozzi ha  infatti rappresentato, e continua a farlo nell'immaginario collettivo, una delle grandi maschere del nostro Paese, vestendo i panni del contabile frustrato, costretto a continue vessazioni pur di mantenere il proprio posto di lavoro. La drammaticità della sua situazione è costantemente portata alle estreme conseguenze, eppure sempre destinata a risolversi in un qualche modo. Fantozzi diventa così una sorta di eroe contemporaneo, un individuo mediocre in un universo di pescecani, dove solo la moglie e la figlia, tanto inette quanto brutte, sono disposte a restargli accanto condividendo la medesima rassegnazione o forse fatalismo.

La figura di Fantozzi nacque nel lontano 1968 quando Paolo Villaggio lo fece conoscere al pubblico televisivo nella trasmissione Quelli della Domenica. Da qui il passaggio al mondo della letteratura con la pubblicazione di vari libri in cui Ugo diventa una sorta di Dottor Jekyll e Mister Hide: servile e timoroso sul posto di lavoro, aggressivo e arrogante fra le mura domestiche. Questa duplicità si riscontra anche nella trasposizione cinematografica e in particolare nella seconda "puntata" del ciclo. Qui Fantozzi  non si fa nessuno scrupolo a disconoscere moglie e figlia di fronte al Mega Direttore Clamoroso Duca Conte Pier Carlo Ingegner Semenzara che, inorridito da tanta bruttezza, le aveva definite "due facce da menagramo", e addirittura ad abbandonare le due poverette pur di trascorrere un'avventura caprese con la sempre desiderata signorina Silvani. Dai superiori invece si fa fare di tutto, lasciandosi usare addirittura come spugnetta per francobolli e parafulmini. In due sole occasioni riesce a ribellarsi: una è la partita a biliardo (in Fantozzi del 1975, sempre diretto da Luciano Salce ma non girato a Civitavecchia) con il Mega Galattico Direttore del Personale.

Altra scena famosa legata al personaggio è quella ne Il secondo tragico Fantozzi, questo con location anche a Civitavecchia. Costretto da un capo cinefilo ad assistere a pesantissimi film d'autore, Fantozzi  "esplode" durante l’ennesima proiezione del più classico dei classici, La corazzata Kotiomkin (riferimento al noto, e in massima parte giustamente evitato dal popolino, film di Ejzenstejn, La corazzata Potëmkin). Chiamato a dare il proprio giudizio sull'opera, la definisce infatti "una cagata pazzesca", provocando l'esultanza dei colleghi altrettanto frustrati che gli dedicano una standing ovation e applausi per 92' di seguito. Alla fine detti rivoltosi saranno tutti puniti nel peggiore dei modi, costretti a recitare loro stessi – tutti i sabati pomeriggio fino all'età pensionabile – la celebre scena della scalinata di Odessa, quella della carrozzina che sobbalza sui gradini.

Non è questa l'unica occasione in cui Fantozzi si trova a condividere la propria triste sorte con altri malcapitati. Un altro momento celebre è rappresentato dal varo della turbonave aziendale con la Contessa Serbelloni Mazzanti Viendalmare come madrina. Nel tentativo di rompere la tradizionale bottiglia di champagne sulla fiancata della nave, la maldestra aristocratica colpisce in testa e manda in acqua, oltre al solito Ugo, anche il sindaco, il ministro della marina mercantile e la centoduenne baronessa Filiguelli de Bonchamp. A fare da sfondo a queste esilaranti gag il porto di Civitavecchia, presente anche nel successivo Fantozzi contro tutti (1980) per la regia di Neri Parenti e dello stesso Paolo Villaggio.

Del resto questa località marittima vicino Roma è presente in moltissimi film nazionali. Tra quelli relativamente recenti, ricordiamo L’uomo nero di Sergio Rubini (2009). Questa pellicola con Riccardo Scamarcio e Valeria Golino fu realizzata quasi totalmente in Puglia ma alcune inquadrature vennero girate a Civitavecchia.Passando al piccolo schermo, ritroviamo Civitavecchia anche in una fiction realizzata per Canale 5 dal regista Luciano Odorisio. Si tratta di Pupetta Maresca che, come si può dedurre dal titolo, ricorda uno dei più drammatici fatti di cronaca della nostra storia nazionale. Per ricordarlo dobbiamo fare un salto indietro agli anni '50 quando una ragazza di vent'anni, incinta di sei mesi, decise di farsi giustizia da sola, assassinando il killer del marito, un noto esponente della camorra. A interpretare il difficile e delicato ruolo l'attrice Manuela Arcuri; con lei sul set anche il fratello Sergio. Nonostante l'ambientazione campana del film, alcune scene furono girate nel Lazio e precisamente fra Civitavecchia, Roma e Nepi. Altra fiction che ha interessato questa zona è Un amore e una vendetta, andata in onda nel novembre del 2011 su Canale 5. La serie, diretta da Raffaele Mertes e con Alessandro Preziosi, Anna Valle e Lorenzo Flaherty ha interessato soprattutto il porto e il Villaggio del fanciullo – fondato nel 1945 da don Antonio Rivolta nella grande tenuta Tor Marangone per dare ospitalità ai ragazzi di strada –, location quest'ultimo pure della fiction Rosso San Valentino, diretta da Fabrizio Costa e con protagonista Andrea Giordana. Il merito dell'attenzione posta da tanti registi a questo territorio va sicuramente anche al grande lavoro di promozione compiuto in questi anni dalla Civitafilm Commission.

A Civitavecchia fu girato anche Che ora è (1989) di Ettore Scola. Marcello (Marcello Mastroianni) e Michele (Massimo Troisi) sono padre e figlio ma, al di là del legame di sangue e del cognome, nulla li accomuna. Michele sta facendo il servizio militare a Civitavecchia e nella testa ha tante idee curiose ma pochi progetti concreti, con una vita apparentemente inconcludente e un laurea in lettere presa senza un vero perché. Marcello è un avvocato di successo che ha sacrificato la famiglia per il lavoro e l'affermazione personale, non lasciandosi scappare l'occasione di qualche avventura extraconiugale, nascosta neanche molto bene. Scola racconta una storia semplice, senza colpi di scena ma, allo stesso tempo, capace di colpire per la delicatezza e sensibilità con cui viene trattato il tema dei rapporto generazionali. La vicenda prende avvio con la visita di Marcello al figlio e si svolge tutta nell'arco di una giornata. Immediatamente emergono i caratteri dei due personaggi ognuno legato al suo mondo e che in sintesi non si capiscono.

Intorno a loro un microcosmo di individui, luoghi, ambienti che i due attraversano e da cui sono attraversati. Alla fine padre e figlio si ritrovano a chiacchierare sul treno che porterà Marcello, molto malato, di nuovo lontano. Resta la tenerezza dell’ultima immagine: Michele tira fuori il vecchio orologio del nonno, l'unico regalo veramente gradito del padre, e Marcello gli chiede: "Che ora è?" e nell'impercettibile spazio fra domanda e risposta il tempo si ferma per farli riscoprire, finalmente come padre e figlio. A distanza di tanti anni alcune location sono ancora riconoscibili, come la caserma Piave, il molo Vespucci, i portici di corso Marconi. Ma ci sono stati anche cambiamenti. I bar del Sor Pietro e quello in Calata Principe Tommaso non esistono più, la biblioteca comunale è stata trasferita, la Trattoria del Gobbo ora è una banca e il cinema in Galleria Giuseppe Garibaldi è stato rimpiazzato da una sala Bingo.

Trasferendoci in tempi più recenti e spostandoci dal cinema alla televisione, ecco che ritroviamo Civitavecchia nella miniserie in due puntate, Come un delfino (2011), girata da Stefano Reali e che racconta la storia di Alessandro Dominici, un nuotatore costretto a lasciare l'agonismo a causa di problemi cardiaci. La vicenda si ispira alla vita dell'ex campione di nuoto Domenico Fioravanti e vede nei panni del protagonista Raul Bova (effettivamente nuotatore agonista da giovane), anche ideatore e produttore della fiction. Con lui sul set, oltre a tanti attori di successo (Paolo Conticini, Barbora Bobulova, Ricky Memphis, Maurizio Mattioli), anche stelle del nuoto italiano come Luca Marin, Filippo Magnini, Alessia Filippi e Emiliano Brembilla. Nel 2012 fu realizzata la seconda serie. Tra le varie location del film compare proprio il lungomare di Civitavecchia e nello specifico Largo Marco Galli, in corrispondenza del locale Chalet del Barone. Ma non si tratta di un caso isolato, dato che numerosi prodotti televisivi vedono coinvolti questi luoghi. Tra le serie più celebri Squadra Antimafia (vari registi, dal 2009 al 2013) e Romanzo Criminale - la serie (2008-2010) di Stefano Sollima. Significativo anche l'elenco dei film d’autore. Tra questi: Vallanzasca - Gli angeli del male (2010) di Michele Placido, nel quale vediamo il porto, alcune zone panoramiche della città nonché – ovviamente, visto il tema, ma trattasi di location che turisticamente sarebbe meglio evitare –  il carcere di via Tarquinia (all'esterno e all'interno); Figli delle stelle (2010) di Lucio Pellegrini con riprese del porto e del cimitero (idem come sopra, da evitare per più tempo possibile...). Molto particolare il progetto portato avanti dal regista Angelo Antonucci e nato per sensibilizzare i ragazzi rispetto all’attualissimo problema del bullismo. Si tratta del film Nient’altro che noi (2008), girato in parte a Civitavecchia.

made with love from Joomla.it

 

made with love from Joomla.it

Buone & Cattive nuove

Il giornale Cinema & Turismo colma un vuoto nelle rassegne cinematografiche italiane creando la Mostra Nazionale del Cinema in Costume...
Da mercoledì 1 a mercoledì 8 ottobre la prima edizione della Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso a Salsomaggiore...
La  Sardegna Film Commission, diretta da Nevina Satta, si è attivata affinché la regista Lina Wertmuller abbia finalmente un riconoscimento...