Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Continuando nell'utilizzo di questo sito acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Ci impegnamo nel fornirvi la migliore esperienza online durante la visita al nostro sito web. In tale processo utilizziamo cookie standard di terzi per ottenere i dati relativi al vostro comportamento online durante la visita ai nostri siti web e registriamo anche la frequenza delle vostre visite ai nostri siti web. Raccogliamo le informazioni in forma anonima ed esse non vi identificano come individui, salvo il caso in cui decidiate di iscrivervi esplicitamente al nostro sito inserendo i vostri dati.
Se non desiderate accettare la presente Policy siete pregati di non continuare con l’utilizzo del nostro sito web.

Cosa tracciamo
Non utilizziamo cookie intrusivi sui nostri siti web per raccogliere le vostre informazioni personali. Utilizziamo invece cookie standard di terzi, come Google Analytics, per tracciare il vostro comportamento online e ottenere le informazioni statistiche a livello aggregato nei modi che seguono:
• tracciamo il numero di visite ai nostri siti web, come il visitatore ha raggiunto il sito (vale a dire il sito web da voi visitato prima di accedere al nostro sito) e il sito di destinazione di ogni visitatore (vale a dire il sito web che visitate dopo aver lasciato il nostro);
• un cookie è memorizzato sul vostro dispositivo per non più di due (2) anni ed è collegato al vostro indirizzo IP. I cookie sono piccoli file di testo che il vostro browser salva sul vostro dispositivo. Ciò ci permette di rilevare se tornate a visitare i nostri siti web.

Come gestire i cookie
I nostri cookie non memorizzano informazioni finanziarie o che permettono di identificarvi direttamente (quale il vostro nome o indirizzo). I cookie permettono ai nostri siti di recuperare le informazioni relative alla vostra esperienza online. Se non desiderate che tracciamo tali informazioni, potete configurare il vostro browser in modo da rifiutare i cookie. Se desiderate agire in tal senso, potete fare riferimento alle istruzioni per l’utente del vostro browser di internet per scoprire come cancellare e rifiutare i cookie. Siete pregati di notare che la mancata accettazione dei cookie potrà influenzare la vostra esperienza di utenti nei nostri siti web e limitare il vostro utilizzo di alcune funzionalità e servizi del sito.

Cookie di terzi
Durante la visita al nostro Portale, potrete notare dei contenuti di terzi, quali ad esempio mappe ed altri contenuti. Vi offriamo anche l’opportunità di impegnarvi ulteriormente con noi e di condividere le informazioni con altri mediante social network quali Facebook ed altri. Con l’aggiunta dei contenuti vi teniamo aggiornati sulle informazioni selezionate con cura che potrete trovare rilevanti o di vostro interesse, ciò però potrà comportare che provider terzi memorizzino cookie aggiuntivi sul vostro dispositivo, cookie sui quali non abbiamo alcun tipo di controllo. Di conseguenza, vi consigliamo di verificare i siti web di tali terzi e le loro policy sulla privacy per avere maggiori informazioni circa i loro cookie e le modalità di gestione di questi ultimi.

Cookie utilizzati sul nostro Portale
Il nostro sito potrà, di volta in volta, contenere dei link a siti web di terzi. Se seguite un link a tali siti di terzi, siete pregati di notare che i siti hanno le loro policy sulla privacy e sui cookie e non accettiamo alcun tipo di responsabilità in relazione a tali policy. Siete pregati di verificare tali policy prima di fornire qualsiasi dato personale a tali siti web.
Seguono alcuni esempi dei cookie utilizzati su questo sito, comprese le informazioni sulla loro finalità e altre informazioni utili. Siete pregati di notare che se scegliete di accedere a siti di terzi mediante il nostro portale, l’elenco che segue potrebbe non essere completo.

Google-analytics.com
Tipo Parte terza di Google Inc.
Finalità Google analytics imposta i cookie per permetterci di tracciare l’utilizzo delle pagine e dei servizi sui nostri siti
Quali dati sono memorizzati? Durata della visita, pagine visionate, ubicazione, sistema operativo, browser, path d’ingresso, numero di visite
Link a dati personali? No
Tipo di cookie? Permanente
Permanente? 2 anni
Cookie di terzi? Sì, Google Inc.
Policy di terzi Visualizza

Modifiche alla presente Policy
Qualsiasi modifica futura alla nostra Policy sarà postata sulla pagina presente.

Contatti
Domande, commenti e richieste in merito alla presente Policy sono ben accette e dovranno essere indirizzate all'indirizzo email di questo sito presente nel piè di pagina

Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider
Ulisse
Forse parrà strano che in apertura di questo sito ci sia proprio un'immagine di Ulisse, film del 1954 diretto da Mario Camerini e con protagonista Kirk Douglas. In effetti, che c'entra un eroe mitologico greco con un sito sul cineturismo italiano? Il fatto è che quella scena fu girata in Italia. Non solo, Ulisse è il nome latino dell'eroe Odisseo. Insomma, furono gli antichi romani a chiamarlo così, e noi discendiamo dalla loro civiltà. Inoltre, nessuno meglio di Ulisse può rappresentare la curiosità, la voglia di viaggiare, vedere, scoprire, sapere. Lo stesso fa questo sito cercando, scoprendo e illustrando i tantissimi luoghi della nostra bella Italia in cui sono stati girati film e programmi televisivi, affinché viaggiando possiate visitarli anche voi. Come fece Ulisse.
Il Sorpasso
Il sorpasso (1962), uno dei film più rappresentativi dell'Italia del benessere e del miracolo economico di quegli anni, è considerato il capolavoro del regista Dino Risi, e non solo in Italia: lo stesso Dennis Hopper si ispirò a questo film quando diresse il cult movie Easy Rider. Eppure ne Il sorpasso non sono poche le casualità, nella finzione e nella realtà: il pimpante Bruno, interpretato da Vittorio Gassman, incontra il timido Roberto (Jean-Louis Trintignant) per caso; lo stesso Trintignant fu scelto per la parte per caso, solo perché somigliava alla controfigura già ripresa nelle scene iniziali; i due protagonisti si muovono a caso per una parte d'Italia, viaggiando sulla potente Lancia Aurelia B24 guidata spericolatamente da Bruno fino al tragico epilogo; il film, pur perfettamente diretto da Risi e interpretato alla grande, ottenne il successo per caso. Difatti la critica, che oggi osanna Il sorpasso, alla sua uscita in buona parte lo ignorò, e fu invece il pubblico con un inizialmente lento passaparola a decretarne il successo
Montalbano
Il commissario Montalbano nasce dai romanzi di Andrea Camilleri, dal grandissimo successo, seguito da quello analogo delle serie televisive trasmesse dalla Rai. Il personaggio di Salvo Montalbano, grazie anche alle trame perfette, ai luoghi, alle atmosfere e agli altri ottimi attori, segue una comprovata capacità italiana nel dare vita televisivamente a serie di livello internazionale, con interpreti protagonisti talmente calati nella parte da venire totalmente identificati in loro dal pubblico. Se Zingaretti è in assoluto Montalbano, Ubaldo Lay fu l'indiscusso e riconosciuto ufficiale nel Tenente Sheridan, Gino Cervi il coriaceo poliziotto de Le inchieste del commissario Maigret e Tino Buazzelli il pacioso ma abile investigatore in Nero Wolfe. Tuttavia fra questi Montalbano è l'unico personaggio italiano e le vicende si svolgono in Italia e precisamente in Sicilia
La pantera rosa
La Pantera Rosa uscì nei cinema nel 1963 e da subito fu un grande successo, grazie alla regia di Blake Edwards, alle musiche di Henry Mancini e soprattutto dalla straordinaria caratterizzazione data all'imbranato ispettore Clouseau da Peter Sellers. L'attore – senza dubbio bravo ma caratterialmente instabile e umanamente poco o nulla apprezzato da chi lo frequentò professionalmente e nel privato – incarnò talmente bene il personaggio che da allora nessun altro potrà sostituirlo con lo stesso successo. Ci provarono con buona volontà Roberto Benigni e Steve Martin, ma i risultati furono meno che mediocri. La Pantera Rosa diede vita a una fortunata serie, che perse vigore alla morte di Peter Sellers per infarto, nel 1980. Buona parte di La Pantera Rosa fu girato a Cortina d'Ampezzo, in Veneto

La visita, di Andrea Bedetti

Solo l'arte riesce a coniugare e ad armonizzare due opposti, che siano il concetto della felicità con quello dell'infelicità, quello della comicità con il dolore, l'amarezza con l'idea della spensieratezza. E anche l'arte cinematografica in ciò non è da meno, basta trovare un regista che, partendo da un semplice canovaccio, riesca a far sorridere scavando un solco nel cuore e nei sentimenti dello spettatore. E in ciò un grande regista, oggi parzialmente dimenticato, soprattutto dalle nuove generazioni, qual è stato Antonio Pietrangeli (padre del cantautore Paolo, quest'ultimo da molti conosciuto per essere stato anche il regista di una delle trasmissioni più seguite negli scorsi anni, il Maurizio Costanzo Show), è riuscito come pochi a coniugare gli opposti delle nostre emozioni, cantando l'amarezza e il dolore dell'umano esistere attraverso i panni lieti e ironici di una timida comicità. E oltre a ciò Pietrangeli – che la morte ha voluto con sé in un modo amaro e particolare, come i suoi film, facendolo annegare nel 1968 nelle acque del mare di Gaeta mentre stava girando le ultime scene di Come, quando, perché –  ha saputo presentare e spiegare, come pochissimi altri, l'"altra metà del cielo", ossia l'universo femminile, attraverso una galleria di personaggi incastonati in capolavori cinematografici come Adua e le sue compagne (1960), La parmigiana (1963), La visita (1963) e Io la conoscevo bene (1964).

Il regista Antonio Pietrangeli sul set de La visita.

Proprio ne La visita – girato in quella zona della Bassa Padana dove la terra mantovana incontra e si stempera in quella ferrarese –, film tratto da un racconto di Carlo Cassola, Pietrangeli seppe dare vita a uno dei personaggi femminili più acuti, struggenti e profondi di tutto il cinema italiano dello scorso secolo, quello di Pina, interpretato in modo straordinario da Sandra Milo. Un film che temporalmente si svolge nell'arco di una giornata, durante la quale i due protagonisti Pina e Adolfo (reso magistralmente da un grande attore teatrale e cinematografico francese, François Périer, qui doppiato in romanesco) si incontrano, si conoscono, si studiano e si lasciano con poche speranze e molti rimpianti, sull'onda di "ciò che avrebbe potuto essere e non è stato".

La trama è presto detta: Pina, una florida e ormai attempata zitella, che lavora come segretaria in un consorzio agrario della Bassa, decide di maritarsi e nel tentativo di trovare un consorte mette un annuncio in una rubrica per cuori solitari. Quell'annuncio viene letto da Adolfo, commesso in una libreria romana, e i due, dopo essersi scambiati alcune missive, decidono finalmente di incontrarsi di persona, con Adolfo che una domenica mattina, dopo aver viaggiato tutta la notte, raggiunge Pina per trascorrere una giornata insieme, per sancire di persona quelle affinità, quelle similitudini che lo scambio epistolare aveva messo apparentemente in risalto. Pina, oltre a vantare un fisico ancora prosperoso e invitante tanto che da essere soprannominata in paese "la bella Culandrona" (a tale proposito si racconta che il produttore del film, il magnate greco naturalizzato italiano Moris Ergas, a quel tempo sposato proprio con la Milo, convinse Pietrangeli a mettere sotto i tailleur indossati dall’attrice dei cuscinetti per esaltare e rendere ancora più voluminoso e appetibile il suo "lato B"!), è in fondo una donna che crede ancora nella figura del "principe azzurro" e lo cerca nonostante l'età, le inevitabili delusioni e i sogni a occhi aperti sui quali le palpebre non si sono mai abbassate.

Adolfo, al contrario, è solo un piccolo, meschino borghese, un bieco arrivista, uno che si vuole accasare per mettere le mani sui soldi e sulle proprietà di colei che potrebbe essere sua moglie (si guardi l'irresistibile scena nella quale il commesso, rimasto da solo a casa di Pina, alquanto alticcio, comincia a fare i conti su quanto l'immobile potrebbe fruttargli…). Due caratteri, due modi essere e di affrontare la vita completamente diversi e che durante la fatidica visita verranno fuori in modo esemplare, spietato, facendo sì che Pina si renda conto che Adolfo non è l'uomo dei suoi sogni, ma solo un povero opportunista; e l'uomo, messo di fronte alla propria meschinità, non può fare altro che prendere il treno, tornare a Roma e rendersi conto di ciò che è in fondo, un perenne sconfitto dalla vita e da se stesso. Intorno a loro, nel corso di quella giornata, ci sono altri personaggi, soprattutto due, lo scemo del villaggio, Cucaracha (così soprannominato perché è felice solo quando balla), reso benissimo da Mario Adorf, e Renato (Gastone Moschin), un camionista sposato, amante della stessa Pina, che inutilmente aveva cullato il sogno che avrebbe potuto essere il suo uomo. Altri sconfitti, altri infelici, altre pedine di un gioco assurdo che è la vita, tutti immersi in una dimensione provinciale che vive solo di riflesso il boom economico ormai già destinato a tramontare.

Per ciò che riguarda la colonna musicale della pellicola, Antonio Pietrangeli si rivolse a colui con il quale avrebbe poi formato un sodalizio artistico, Armando Trovajoli, un musicista ormai affermato, capace di sintetizzare con le note, grazie alla sua sensibilità e proiezione visiva dei suoni, le ambivalenze tematiche della pellicola. Così, il musicista romano creò un tema musicale capace di enunciare la mestizia, la solitudine, l'amarezza della sconfitta attraverso un timbro, un colore opposti, ossia piacevole, orecchiabile, perfino spensierato e che nella parte centrale si trasforma in una ballata, che rimanda alle tipiche atmosfere delle balere di provincia. Ecco il tema musicale:

Ma il finale del film, volutamente indecifrabile in quanto non si riesce a capire se Pina e Adolfo si potranno rivedere, anche solo per imbastire un'affettuosa amicizia, aveva bisogno di un tema completamente differente, tale da evidenziare l'amarezza e il fallimento di quella visita, proprio di "ciò che avrebbe potuto essere e non era stato". Così Trovajoli imbastì un tema, enunciato principalmente dal timbro scuro di un flauto che accompagna i due protagonisti in macchina, con Pina che porta Adolfo, alle prime luci dell'alba, fino a Ferrara, dove lui prenderà il treno per Roma [nel film da 1.42.39 – 1.46.06]. Quel flauto, sul quale si appoggia saltuariamente un fraseggio degli archi, è fondamentalmente un inciso che tratteggia il ritorno a una finta e ipocrita normalità delle cose, confermata dalla voce dei due protagonisti che leggono stralci di due lettere che si scrivono dopo quella "visita", trascinati nuovamente nel loro gorgo muto fatto di lavoro, di abitudini, di consuetudini, che un amore mancato, impossibile da vivere, non potrà mai cambiare o cancellare.

 

made with love from Joomla.it

Buone & Cattive nuove

Il giornale Cinema & Turismo colma un vuoto nelle rassegne cinematografiche italiane creando la Mostra Nazionale del Cinema in Costume...
Da mercoledì 1 a mercoledì 8 ottobre la prima edizione della Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso a Salsomaggiore...
La  Sardegna Film Commission, diretta da Nevina Satta, si è attivata affinché la regista Lina Wertmuller abbia finalmente un riconoscimento...